in

Chi è Luca Casarini, l’ex leader dei disobbedienti che salva i migranti

«L’Italia non deve cedere ai ricatti della nave dei centri sociali – cercate in rete chi è il signor Luca Casarini – e di chi si rende complice dei trafficanti di esseri umani», questo uno degli ultimi post pubblicati su Facebook da Matteo Salvini, il ministro dell’Interno e leader della Lega. E noi abbiamo accolto il suo invito e siamo andati a cercare tutto quel che c’è da sapere sul capo missione della Ong Mediterranea, che sta facendo «infuriare» il vice-premier.

Luca Casarini, il no-global salva migranti: tutto quel che c’è da sapere

Luca Casarini è di origini veneziane, ha 51 anni, ed è un leader no global. In queste ore non si fa che parlare di lui perché è il capo missione della Mare Jonio, l’imbarcazione dell ong Mediterranea Saving Humans, che ha soccorso in acque internazionali 49 persone a bordo di un gommone in avaria, la quale è arrivata ora a Lampedusa. Luca Casarini è uno storico leader dei no global italiani e dei Disobbedienti del G8 a Genova. Nato a Mestre l’8 maggio 1967, Casarini vanta origini umili: figlio di operai, ha trascorso l’infanzia tra Carpenedo e Monselice. Dopo il diploma a Padova si è avvicinato agli ambienti antagonisti di sinistra prima presso il centro sociale ‘Pedro’ di Padova poi al ‘Rivolta’ di Porto Marghera. Nel 1999 si è candidato sindaco di Padova: nell’occasione, ha ottenuto 1.807 preferenze pari all’1.4% dei voti.

leggi anche l’articolo —> Siria, annuncio choc dell’Isis: «Abbiamo ucciso un crociato italiano a Baghuz!»

È diventato poi il leader del “movimento delle Tute Bianche”, uno dei gruppi più discussi all’interno del movimento no-global, che nel luglio 2001 ha cambiato nome in “Disobbedienti”. Da portavoce ha portato avanti diversi movimenti di protesta, tra le principali quella contro la Costituzione Europea, la guerra in Afghanistan e in Iraq e la costruzione della nuova base Usa a Vicenza. La più importante la contestazione del G8 di Genova. La politica è una delle sue più grandi passioni. Negli anni 2000 Casarini è stato anche consulente dell’ex ministro per la Solidarietà Sociale Livia Turco durante il primo governo Prodi. Nel 2014 si è candidato al Parlamento Europeo nella lista “L’Altra Europa” con Tsipras nella Circoscrizione Italia centrale, ma non è stato eletto. Nel 2015 è entrato a far parte della presidenza nazionale di Sel, il partito guidato da Nichi Vendola, due anni dopo è stato eletto segretario regionale in Sicilia sempre con Sel. Il 30 aprile 2017 è stato eletto con Bianca Guzzetta alla carica di Segretario di Sinistra Italiana in Sicilia dal Congresso Regionale del Partito.

Luca Casarini: la vita privata e la passione per la politica

Qualcosa della sua vita privata? Luca Casarini da anni sta a Palermo, dove si è trasferito con la famiglia, composta dalla moglie, figlia di Toni Negri, e due figli. Nel 2008 ha deciso di mettersi in proprio, aprendo una partita Iva e avviando un’attività di coworking. L’anno scorso con la ong Mediterranea Saving Humans e la Mare Jonio si è messo in mare, in prima linea per salvare vite umane. Lo spirito ribelle e l’indole indomita sono rimaste intatte, nonostante lo scorrere del tempo. L’anima da Disobbediente si è conservata…

leggi anche l’articolo di News —> Imane Fadil, Vittorio Sgarbi confessa la verità sulle feste bunga bunga: «Non saranno state cene eleganti, ma…»

Melissa Satta su Instagram in lingerie e parigine: fan impazziti

Grande Fratello 16 possibili concorrenti: indiscrezioni e nomi