in

Chi è Luca Toccalini, nuovo segretario della Lega Giovani

Dopo Andrea Crippa è il turno di Luca Toccalini: sarà lui il nuovo segretario della Lega Giovani. E con Matteo Salvini, leader del Carroccio, c’è più di una cosa in comune: tanto per cominciare la cadenza lombarda, come pure il tono della voce, che il 29enne al pari del “Capitano” sa modulare e rimarcare quando ci sono di mezzo parole importanti come “Prima gli Italiani” (e non so se le virgolette e il grassetto rendono l’idea!). Entrambi hanno la barbetta ben curata, amano frequentare il Papeete Beach di Milano Marittima (anche se Luca Toccalini al torso nudo preferisce la camicia!), e militano nel partito dall’adolescenza (insomma se non dalla culla, quasi!). Senza contare l’uso massiccio dei social, che caratterizza tanto il giovane segretario quanto l’ex ministro dell’Interno.

Chi è Luca Toccalini, nuovo segretario della Lega Giovani

Luca Toccalini ha 29 anni, è cresciuto nella ricchissima Basiglio alle porte di Milano. Ha cominciato la sua carriera politica nella sezione giovanile del partito nel 2008. Si è avvicinato al Carroccio, pensate a soli 16 anni quando, andando una domenica a messa, ha «visto un gazebo della Lega in piazza». Dopo il diploma, sceglie di studiare Economia alla Cattolica di Milano, ma non dimentica la sua vocazione: diventa il coordinatore del Movimento Universitario Padano. Consegue la laurea (ecco forse una differenza significativa col leader della Lega) e trova impiego in una multinazionale di distribuzione informatica. Se Matteo Salvini, da giovane, per mantenersi ha lavorato in un fast food, Luca Toccalini non è da meno: secondo quanto riportato da “Il fatto quotidiano” avrebbe avuto “una parentesi «dimaiana» come steward allo stadio di San Siro“. E questo ovviamente non può che far loro onore, oltre che far “guadagnare” credibilità agli occhi della gente. Luca Toccalini non ha mai messo da parte il suo amore per la Lega: diventa prima coordinatore dei Giovani Padani della Lombardia, poi deputato.

«Gli immigrati fanno abbassare il costo del lavoro!»

«Parlare su questo palco è il sogno di ogni ragazzo che per la prima volta varca il pratone di Pontida. Grazie per tutte queste emozioni, ci vediamo da domani in tutte le piazze d’Italia! Viva la Lega Giovani, viva Matteo Salvini!», ha dichiarato al maxi raduno a Pontida. Intervistato a margine dell’incontro da “Open” di Enrico Mentana, Luca Toccalini ha detto la sua sul tema migranti: il suo primo obiettivo è quello di «non far scappare i ragazzi, ad esempio i laureati che vanno a fare i baristi in mezza Europa». La colpa di tale fuga risiederebbe nei salari troppo bassi, da attribuirsi, sempre secondo Toccalini, “agli immigrati” che «hanno fatto abbassare il costo del lavoro». Non poteva mancare poi la stoccata a Di Maio e ai suoi«L’alleanza con i 5 stelle era basata su un contratto, le differenze tra noi e loro erano tante. Ora, invece, Di Maio e il M5s si sono venduti al Pd, all’Europa e ai poteri forti. Non ce l’aspettavamo da un partito che voleva fare rivoluzioni».

leggi anche l’articolo —> «Salvini e il Crocifisso? A Cortemaggiore in chiesa si è anche inginocchiato, magari facessero tutti così!»

(Foto Facebook Profilo Ufficiale Luca Toccalini)

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Barbara scomparsa a Napoli: lascia la figlia con la febbre sola in casa e non torna più, mistero fitto

Paola Di Benedetto su Instagram “distrutta ma felice”, è polemica: «Hai spaccato le pietre?»