in

Chi è Motta: vita privata, carriera, tutto sul cantante in gara a Sanremo 2019

“Sono emozionato e felicissimo. Grazie, ci vediamo a Sanremo!” Questo il commento a caldo di Motta attraverso un video postato sulla propria pagina di Instagram, per lui sarà la prima volta sul palco dell’Ariston. Motta sarà in gara con il brano Dov’è l’Italia. L’artista ha all’attivo due album ed è alla sua prima partecipazione alla kermesse ligure.

Bello, dannato e talentuoso

Francesco Motta è nato a  Pisa il 10.08.1986 (32 anni), è cresciuto a Livorno e vive da cinque anni a Roma. E’ un cantautore polistrumentista, si presenta con i capelli lunghi, ricci, scompigliati. E’ di pochissime parole, a meno che non siano in musica. Nasce artisticamente nel 2006, a soli venti anni, come cantante e autore della band Criminal Jokers, di matrice busker-punk, messa su con un gruppo di amici pisani con cui incide due dischi, This was supposed to be the future (2009) e Bestie (2012). La band ha vita breve ed i quattro musicisti col tempo decidono di intraprendere strade diverse: chi si trasferisce in America a lavorare, chi a Berlino fa ancora musica e chi, come lui, ha scelto – fortunatamente – la carriera da solista.

In questo periodo, a metà degli anni zero, compie anche altre importanti e personali esperienze musicali, mettendo a frutto la propria versatilità apportando il proprio caratteristico sound in collaborazione con una serie di artisti come Nada, con cui suona basso, tastiere chitarra e cori, Pan del Diavolo, alla batteria, Zen Circus come tecnico del suono per il tour di Andate tutti affanculo, e Giovanni Truppi con chitarra e tastiera.
Nel 2013 lascia Livorno e si trasferisce a Roma. Studia Composizione per film presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma sotto la direzione artistica di Ludovic Bource, premio Oscar nel 2012 per la colonna sonora di The Artist. Lì compone le colonne sonore di Pororoca (2013) di Martina Di Tommaso, Dollhouse (2014) di Edward Balli, The tell tale heart (2014) di Andy Kelleher e del documentario di Simone Manetti Good bye darlin i’m off the fight (2016).
Nel marzo del 2016 lo vediamo affermarsi col suo album d’esordio in solitaria, dal titolo La fine dei vent’anni, pubblicato con l’etichetta Woodworm ed emerso sin da subito come uno dei dischi italiani più apprezzati dalla critica e dal pubblico, tanto da permettergli di essere insignito del Premio Tenco nella categoria Opera prima quello stesso anno.
Una carriera d’eccellenza, che lo porta ad essere considerato un “paroliere del popolo” ed allo stesso tempo un artista di nicchia, insomma, la quintessenza della musica indie, anche se Motta ci tiene a sottolinearlo: “Non chiamatemi indie, non so neanche quale sia il significato di quella parola né mi interessa, io scrivo canzoni. Questo è quello che faccio”
Più indie di così si muore, sottolineo io. Inoltre mai domandargli quando uscirà il suo prossimo disco: “Al prossimo che mi fa questa domanda faccio del male. Se per scrivere questo c’ho messo 5 anni, il prossimo più o meno parlerà della fine dei miei trent’anni, quindi dovrete aspettare un bel po’ di tempo”.

Vita privata

 

Francesco Motta è legato sentimentalmente alla bella e bionda attrice Carolina Crescentini con cui intesse un’intensa storia d’amore dal 2017.
Ad unirli è proprio l’arte. Lui cantautore e lei attrice con una passione per la musica e la scrittura, come ha infatti dichiarato ha dichiarato al settimanale Nuovo: “Ancora prima di conoscere Francesco scrivevo su riviste di musica. Tra l’altro anche la scrittura ha sempre fatto parte della mia vita e mi piacerebbe raccogliere tutti i miei racconti e metterli insieme in un’unica storia”.
La storia va a gonfie vele a tal punto che Carolina a proposito di un figlio che potrebbe arrivare, ha affermato convinta: “Perché no? Non sono una che fa programmi”. Si sa, l’arte e la creatività sono da sempre incubatrici naturali dell’amore.

UrbanPost consiglia: Il malore di Calcutta a Che tempo che fa: quando il paracetamolo non serve

beverly hills 90210

Beverly Hills 90210 torna vent’anni dopo: cast originale ma senza Brenda e Dylan

Autostrade in tempo reale: traffico, incidenti, chiusure oggi venerdì 21 dicembre