in ,

Chi è Nigel Farage, il nuovo interlocutore di Beppe Grillo

Nigel Farage è un politico britannico, leader dell’UKIP, il Partito per l’indipendenza del Regno Unito. Il suo ruolo politico è stato sempre improntato a politiche volte a difendere le sovranità nazionali e ora, il deputato europeo ‘euroscettico’ per antonomasia insieme a Marine Le Pen in Francia, sta ‘corteggiando’ Beppe Grillo. Il comico pentastellato, infatti, ieri 29 maggio ha preso un aereo ed è volato da lui a Bruxelles, senza consultare i suoi parlamentari e tanto meno il popolo della “Rete”, protagonista immancabile dei punti salienti della sua recentissima campagna elettorale per le elezioni Europee del 25 maggio scorso che, a dispetto delle straripanti aspettative sue e di tutto il M5S, non ha dato buoni frutti, per usare un eufemismo. Farage, chiacchieratissimo per la sua concezione del potere alquanto sopra le righe, non ha remore nell’esternare affermazioni che rasentano la misoginia e l’omofobia: “Le donne valgono meno, è giusto guadagnino meno, vanno in maternità”. E i gay? “Sono malati”, ha affermato di recente. Eh sì, il nuovo interlocutore del leader a 5 stelle è colui il quale, nella recente campagna elettorale, ha diffuso dei manifesti  in cui venivano rappresentati gli operai inglesi intenti a chiedere l’elemosina, immagini che sottendevano in maniera evidente la sua fiera opposizione alla presenza di immigrati in Gran Bretagna. Paradossale il fatto che l’operaio raffigurato in quegli slogan elettorali sia Dave O’Rourke, un attore irlandese da anni immigrato in Gran Bretagna.Grillo e Farage

La proposta che ieri l’eurodeputato ha fatto al comico genovese pare ipotizzi la creazione di un gruppo comune al Parlamento Europeo, benché la base grillina si sia detta assolutamente contraria a ciò e rivendichi il diritto al dibattito e al confronto con il suo leader, prima della scelta di una qualunque nuova linea politica da adottare dopo il tonfo della tornata elettorale di domenica scorsa. Personaggio pittoresco Nigel Farage, che certo non ha ancora smaltito l’ebbrezza per la consacrazione ottenuta alle urne del 22 maggio scorso, giorno del voto in Gran Bretagna. Farage ha superato i laburisti e i conservatori, ed è entrato a Bruxelles e Strasburgo con ben 24 parlamentari, di cui 7 donne, provenienti dalla società civile.

Lo scorso anno Farage è balzato agli onori della cronaca per aver messo nel suo staff sia sua moglie che l’ex amante. Una scelta che gli è valsa una pesante accusa da parte della sua ex eurodeputata Nikki Sinclair, la quale durante una seduta plenaria al Parlamento europeo parlò di un harem al suo cospetto: “Con la disoccupazione che c’è in Europa e nel Regno Unito, Farage crede che sia un buon uso dei soldi dei contribuenti avere alle proprie dipendenze non solo la moglie Kirsten ma anche l’ex amante Annabelle Fuller?”. Farage è contrario all’ingresso di nuovi stranieri in Gran Bretagna, inclusi quelli comunitari. Antiproibizionista per quanto riguarda le droghe leggere, si dice inoltre non contrario ai matrimoni tra omosessuali, in vigore da quest’anno nel Regno Unito. Irriverente e populista, all’indomani del suo successo elettorale ha rievocato la “marcia su Roma”, a noi italiani molto familiare: “Ora un esercito di popolo marcerà anche verso il palazzo di Westminster. E diventeremo l’ago della bilancia della politica inglese”. E intanto Beppe Grillo prende le difese del suo nuovo interlocutore e potenziale alleato politico: “Non è razzista. Sono diversi i punti in comune tra i due partiti …”.Grillo e Casaleggio

spaghetti antimafia progetto solidale piazze 2014

Spaghetti antimafia: iniziativa solidale di Auser nelle piazze il 7 e l’8 giugno 2014

pesto in cucina

Il pesto in cucina: ricette insolite