in ,

Chi è Paolo Gentiloni: il favorito numero uno a diventare Premier per risolvere la Crisi di Governo

Chi è Paolo Gentiloni: il prescelto per sostituire Matteo Renzi

Chi è Paolo Gentiloni, il candidato numero uno per il dopo-Renzi come Premier e favorito per risolvere la Crisi di Governo in atto? Nato a Roma il 22 novembre 1954, Gentiloni in occasione dell’ultimo esecutivo, il Governo Renzi, ha ricoperto l’incarico di Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale a partire dal 31 ottobre 2014. La sua formazione è ‘classica’ avendo studiato al Liceo Tasso di Roma. Da giovane le prime esperienze politiche arrivano grazie al Movimento Lavoratori per il Socialismo, il MLS, che successivamente confluisce in Partito di Unità Proletaria per il Comunismo. L’entrata nella politica dei grandi, però, arriva solo nel 1993 quando, in qualità di giornalista professionista, Paolo Gentiloni viene nominato portavoce di Francesco Rutelli, sindaco di Roma. Sempre nella Capitale ha svolto l’incarico di assessore al Giubileo e al Turismo.

—> TUTTO SULLE CONSULTAZIONI PER RISOLVERE LA CRISI DI GOVERNO

Paolo Gentiloni e l’entrata alla Camera dei Deputati

Dal 2001, invece, Paolo Gentiloni è a tutti gli effetti un deputato grazie alla vittoria nelle elezioni del 2001 con la lista de La Margherita, di cui è stato uno dei fondatori proprio insieme a Francesco Rutelli. Dopo aver svolto vari incarichi (che saranno analizzati successivamente, ndr.), Gentiloni torna a far parlare di sé nel 2012 quando perde le primarie del Partito Democratico per ricoprire l’incarico di sindaco di Roma. Riceve solo il 15% di preferenze con la vittoria finale dell’ex sindaco Marino. Entra nel Governo Renzi il 31 ottobre 2014 rilevando l’incarico di Federica Mogherini.

—> CRISI DI GOVERNO: LE ULTIME NOTIZIE

paolo-gentiloni

Paolo Gentiloni e i fallimenti da Ministro delle Comunicazioni

Uno degli incarichi più importanti ricoperti da Paolo Gentiloni durante la sua carriera politica è, senza dubbio, quello del 2006-2008 quando, durante il Governo Prodi, è stato insignito della carica di Ministro delle Comunicazioni. Come tutto l’esecutivo Prodi, il cui mandato è stato sfiduciato nel 2008, le riforme non hanno avuto parecchio successo. Nello specifico, Gentiloni non è riuscito a ottenere un adeguamento della Legge Gasparri per quanto concerne la riforma del sistema televisivi (la direttiva Televisione Senza Frontiere), da adeguare secondo canoni della normativa UE, non ha avuto successo specie per i tetti alla pubblicità. L’obiettivo di Gentiloni, non riuscito, era quello di abbassare il tetto della soglia pubblicitaria dal 18% al 16% così da favorirne la redistribuzione. Inoltre, Gentiloni da Ministro delle Comunicazioni, non ha avuto grande fortuna anche per quanto concerne la Riforma Rai: l’obiettivo era separare la tv finanziata dal canone dalla tv finanziata con introiti pubblicitari. Inoltre, nelle previsioni di Gentiloni, si sarebbe dovuto cambiare anche la modalità di nomina del consiglio di amministrazione. Una buccia di banana del favorito al dopo-Renzi, Paolo Gentiloni, va rintracciata nella volontà di registrazione i siti internet e assoggettarli ad adempimenti amministrativi. Un errore politico e di valutazione, come affermato successivamente dallo stesso Gentiloni.

Paolo Gentiloni l’affaire Marò e il Governo Renzi

Paolo Gentiloni è entrato a far parte della squadra di Governo Renzi a partire dal 31 ottobre 2014 in sostituzione di Federica Mogherini, nominata Alto Rappresentante per la politica estera UE. Durante il suo incarico riesce a sbrogliare la complicata situazione legata ai due Marò tenuti prigionieri in India, vale a dire Massimo Latorre e Salvatore Girone. Risolta la crisi diplomatica tra India e Italia, si è poi soffermato sull’emergenza terrorismo in Italia. In una recente intervista, infatti, Gentiloni ha dichiarato: “Il governo italiano non può restare fermo, non può pensare che ci sia una minaccia terroristica a poche ore di barca dall’Italia. L’Italia sarà pronta a combattere contro la Libia e lo Stato Islamico.”

paolo-gentiloni-chi-e

Paolo Gentiloni curiosità: moglie, figli e passioni

Chi è la moglie di Paolo Gentiloni, candidato numero uno per il dopo-Renzi? L’ormai ex Ministro degli esteri è sposato con Emanuela Mauro, architetto. La coppia non ha figli. Le sue grandi passioni sono i viaggi, i giornali, la scrittura e la lettura. Da buon italiano è un buongustaio di vini, apprezza molto la musica lirica e nel tempo libero si diverte a giocare a tennis.

Offerte auto dicembre 2016

Offerte auto dicembre 2016 Fiat e Alfa Romeo: prezzo modelli in promozione

mcdonalds

McDonald’s, dopo Brexit sposta la sede legale a Londra sperando in una minor pressione fiscale