in ,

Chi è Salvatore Romeo: Virginia Raggi e la polizza da 30mila euro a sua insaputa

Virginia Raggi interrogata per 8 ore dai magistrati

“Se sapevo della polizza di cui ero beneficiaria? No, assolutamente no, l’ho appreso questa sera, sono sconvolta”, ha risposto così ai cronisti il sindaco di Roma Virginia Raggi, reduce da un interrogatorio durato oltre 8 ore ieri 2 febbraio, tenutosi in via Tuscolana. “Ho chiarito, ho risposto a tutte le domande”, ha poi aggiunto ostentando sicurezza, “c’è molto lavoro da fare qui a Roma, dobbiamo portarlo avanti”.

Virginia Raggi beneficiaria di una polizza vita per un valore di 30mila euro, ma a sua insaputa. L’indiscrezione è emersa ieri pomeriggio, attraverso una fuoriuscita di notizie da Il Fatto Quitdiano e L’Espresso, proprio mentre il sindaco della Capitale era sotto interrogatorio. Il ‘benefattore’ del sindaco pentastellato è Salvatore Romeo, prima fedelissimo della Raggi, ma divenuto improvvisamente ex capo della segreteria – “Ha scelto lui spontaneamente di fare un passo indietro”, ha di recente dichiarato il Sindaco a ‘5 Stelle’ a Giovanni Floris che le chiedeva delucidazioni in merito a diMartedì- subito dopo l’arresto del suo braccio destro ex capo del personale capitolino, Raffaele Marra, avvenuto per una vicenda risalente a 4 anni fa e dunque estranea alla amministrazione Raggi.

Chi è Salvatore Romeo

Nato il 2 gennaio 1965, Salvatore Romeo è un funzionario di Roma Capitale. Con l’elezione a sindaco di Roma di Virginia Raggi, nel giugno 2016, è diventato insieme a Raffaele Marra interlocutore dei rappresentanti pentastellati, al tempo in cerca di esponenti dell’amministrazione comunale per fare il quadro della situazione del comune di Roma e mettere le basi per il nuovo governo a 5 Stelle. Romeo è esperto di aziende partecipate e da subito instaura uno stretto rapporto di fiducia con il neo sindaco, entrando a far parte della sua squadra nel ruolo di Capo della Segreteria, da semplice dipendente comunale quale era. La sua promozione con annesso stipendio triplicato suscitò da subito forti polemiche.

Il suo compenso passò infatti da 39 mila euro a 120mila euro, scesi poi a 93 mila dopo l’intervento dell’Autorità nazionale anticorruzione e sue conseguenti dimissioni. “La mia nomina è sempre stata legittima, a partire dalla prima, quella di giugno. Da settembre guadagno 93mila euro all’anno, trentamila in meno rispetto a giugno solo per una questione di opportunità politica, ma sto qui dentro 12 ore al giorno”, aveva dichiarato di recente all’Huffington Post e poco fa, intercettato dall’Ansa all’indomani dell’interrogatorio della Raggi, ha detto: “Per ora non parlo, sto organizzando una difesa”.

Virginia Raggi: la polizza da 30mila euro a sua insaputa

Indagata per le nomine in Campidoglio, in primis quella di Renato Marra, fratello del succitato ex braccio destro Raffaele in carcere dal 16 dicembre, Virginia Raggi è accusata di abuso d’ufficio e falso. Ieri ha risposto a tutte le domande dei magistrati Paolo Ielo e Francesco Dall’Olio, e come prevedibile anche la tanto chiacchierata polizza da 30mila euro secondo le indiscrezioni sarebbe stata oggetto delle domande, ma non di contestazioni o accuse formali, che le sono state rivolte e alle quai lei ha risposto: “È stato un interrogatorio molto tranquillo, ho risposto a tutte le domande. Ho chiarito la mia posizione e vado avanti”.

Si fa tuttavia spinosa la questione inerente alla polizza che Romeo le ha intestato nel gennaio 2016, cambiando beneficiario della stessa dopo anni, quando l’avvocatessa era in corsa per la scelta del candidato sindaco M5S. Romeo cambiò dunque il precedente beneficiario scegliendo Virginia Raggi quale intestataria. Perché? Qual è la ratio di questa vicenda? E soprattutto, una polizza vita per essere effettiva non andrebbe controfirmata dal beneficiario? La Raggi dice di non saperne niente, e le indagini in corso sono finalizzate a dare risposta anche a questi quesiti.

 

 

Gianluca Vacchi Instagram, disavventura per il re dei social: ecco cosa è successo

attentato parigi 19 giugno

Parigi spari al Louvre: militare accoltellato reagisce ad aggressione aprendo il fuoco