in

Chi l’ha visto? anticipazioni puntata 1 ottobre: Guerrina, Rosalia e Paola

Di cosa si occuperà Federica Sciarelli all’interno della puntata di domani, mercoledì 1 ottobre, di Chi l’ha visto? il noto programma di servizio di Rai 3 in cui si parla dei maggiori fatti di cronaca, cercando di aiutare gli inquirenti a trovare una soluzione, ed in cui si cercano persone scomparse?  La giornalista e conduttrice affronterà i casi di Guerrina e di Rosalia e Paola continuando così a cercare donne misteriosamente sparite nel nulla.

chi l'ha visto anticipazioni

Nella prima parte del programma, in onda subito dopo Un Posto al Sole, alle 21:05, Federica Sciarelli affronterà la storia della “buranelle” che a quanto pare  si sono ribellate a un tentativo di violenza da parte del gruppo e sono state uccise. A Chi l’ha visto? , per parlare di questo caso, si partirà cioè dalla scottante rivelazione di un testimone che ha rilasciato agli inquirenti questo drammatico racconto. Cosa è accaduto a Rosalia e Paola, le due ragazze di Burano che dovevano solamente andare al cinema, ma che sono sparite senza lasciare alcuna traccia. Le famiglie di entrambe le ragazze non si sono mai arrese. Continuando a chiedere giustizia e a pretendere risposte hanno ottenuto che le indagini per omicidio fossero riaperte tanto che ora pare che l’ex fidanzato di una delle due sia sospettato di averle attirare in una trappola.

Successivamente Chi l’ha visto? tornerà ad occuparsi del giallo che avvolge la scomparsa di Guerrina aggiornando i telespettatori con le ultime novità e le nuove testimonianze sulla mamma di Ca’ Raffaello scomparsa il primo maggio mentre andava verso la canonica. Infine Federica Sciarelli parlerà di Marianna Cedron, la diciannovenne della provincia di Treviso che lavorava come cuoca in un ristorante a Castel Franco Veneto scomparsa nel febbraio del 2013.

il segreto

Uomini e Donne anticipazioni trono classico: Jonas Berami innamorato di Tina Cebolla

Le Iene facebook Mammucari e Blasi

Le Iene Show, anticipazioni puntata 1 ottobre: Susanna Camusso sulla legge 564