in

Chi l’ha visto? anticipazioni puntata 19 febbraio: Alessia e Livia Schepp e Christiane Seganfreddo

Sebbene su Rai 1 andrà in onda la seconda serata del Festival di Sanremo, domani, mercoledì 19 febbraio, su Rai 3, subito dopo Un Posto al Sole, Federica Sciarelli, come di consueto, condurrà una nuova puntata di Chi l’ha visto?, la trasmissione di servizio della terza Rete Rai che continuerà ad occuparsi di persone scomparse e di diversi casi di cronaca focalizzando la propria attenzione sul giallo che riguarda la scomparsa di Alessia e Livia Schepp e sul ritrovamento del corpo di Christiane Seganfreddo.

chi l'ha visto anticipazioni

Quali novità ci sono sul giallo che ha avvolto la scomparsa delle gemelline Schepp? La giornalista e conduttrice metterà al corrente i suoi telespettatori dell’arrivo di una lettera nella redazione della trasmissione. Nella lettera in cui si parla di Alessia e Livia, le due bambine scomparse tre anni fa si può leggere: “Io ho lavorato per la tipografia che ha stampato i loro passaporti falsi. Le gemelline sono vive.”  Sarà vero? La redazione del programma, dopo aver passato tutte le informazioni agli inquirenti continuerà ad indagare sul caso. Se, però, quanto è scritto avesse un fondo di verità vorrebbe dire che il papà non le  avrebbe uccise, facendole sparire all’estero.

Successivamente Federica Sciarelli affronterà la morte della mamma di Aosta, ritrovata in un torrente vicino casa lo scorso sabato. Cosa è successo a Christiane Seganfreddo? La donna che si era allontanata a causa della malattia agli occhi lasciando il marito ed un figlio piccolo si è suicidata o la sua morte è dovuta ad una disgrazia? In queste stesse ore si sta cercando anche un’altra mamma. Elena Ceste, scomparsa dalla provincia di Asti. Che fine avrà fatto? Della donna sparita nel nulla il 24 gennaio scorso da Motte di Costigliole lasciando davanti al cancello i vestiti, gli occhiali e l’intimo non si hanno più tracce.

Silvio Berlusconi divorzia da Veronica Lario

scrivere lettera a mano

Calabria, docente denunciata perché si inviava lettere minatorie