in

Chi l’ha visto? anticipazioni puntata 28 gennaio 2015: Yara Gambirasio, Guerrina Piscaglia ed Elena Ceste

Guerrina Piscaglia, Elena Ceste e Yara Gambirasio. Ecco di cosa si occuperà nella puntata di domani sera, mercoledì 28 gennaio 2015, la giornalista e conduttrice  di Chi l’ha visto?, Federica Sciarelli. La cronaca continuerà a farla da padrone, ma oltre agli aggiornamento sugli ultimi casi in trasmissione verranno lanciati anche diversi appelli per le varie scomparse. Quali novità vi saranno? Con il progredire delle indagini sono giunte diverse notizie in merito ai casi relativi la morte della ginnasta di Brembate, ma anche in merito alla morte della mamma di Costigliole D’Asti e alla donna scomparsa da Cà Raffaello lo scorso primo maggio.

Per quanto riguarda la morte di Yara Gambirasio, dopo aver fatto emergere la testimonianza della donna che era sicura di aver visto Bossetti in macchina con una ragazzina davanti alla palestra, Federica Sciarelli, all’interno della nuova puntata di Chi l’ha visto?, cercherà di capire meglio ciò che è emerso in queste ultime ore da quanto scritto dal consulente della Procura e spiegare ai telespettatori come mai il DNA mitocondriale di Bossetti non coincida con quello di “Ignoto 1”. La conduttrice si interrogherà quindi anche per comprendere meglio se la traccia trovata sugli slip della vittima coincida o non coincida con il DNA di Massimo Bossetti.

Successivamente, fra le ultime novità riguardanti il caso del piccolo Andrea Loris Stival e quelle riguardanti Elena Ceste di cui, a marzo, prenderà il via il processo, Federica Sciarelli all’interno di Chi l’ha visto? riaccenderà i riflettori sulla scomparsa di Guerrina Piscaglia e sulla complessa figura di padre Gratien che continua a non rispondere pienamente alle domande degli inquirenti e della cui vita continuano ad emergere particolari scabrosi

ricette dolci detto fatto

Ricette dolci Detto Fatto : la ricetta del tiramisù ai tartufini

copertina diMartedì

Crozza a diMartedì, la copertina del 27 gennaio 2015: dall’Onorevole Razzi a Matteo Salvini