in

Chi l’ha visto?: c’è un collegamento fra la morte di Yara Gambirasio e Andrea Pizzoloco?

Fascette da elettricista. Ecco cosa ha messo in allarme la redazione di Chi l’ha visto?, la trasmissione di Rai 3 condotta da Federica Sciarelli. Lo staff del programma, occupandosi di Andrea Pizzoloco, il “mostro di Lodi”, e dell’uccisione di Lavinia, guardando i reperti raccolti in casa di Pizzoloco ed ascoltando i propri telespettatori, si è preoccupato per la presenza di una fascetta da elettricista vicino al corpo di Yara Gambirasio e per la prossimità del campo dove è stato trovato il cadavere della ginnasta di Brembate con quello dove è stata ritrovata la ragazza straniera uccisa dopo un rapporto intimo. Esiste un collegamento fra i due casi?

federica sciarelli

Nella puntata ancora in onda, Federica Sciarelli ha esposto alcuni importantissimi interrogativi, sottolineando, però, che tutto deve trovare ancora riscontro. Le supposizioni dello staff che lavora a Chi l’ha visto? devono, cioè, essere controllate e confrontate prima che si possa dire che Pizzoloco possa essere coinvolto nell’omicidio di Yara. Oltre alle fascette, sembra che gli inquirenti ne abbiano trovate 87 a casa di Pizzoloco e che, quindi, ne manchino all’appello circa una decina, la giornalista e conduttrice, mostrando ai telespettatori il reperto numero 12, ha fatto vedere anche il reperto numero 10 inerente ad un asciugamano trovato da un lato vicino a Yara e dall’altro sulla bocca di Lavinia.

Mentre in molti attendono che il Dna di Pizzoloco sia pronto, Chi l’ha visto? ha lanciato una domanda in grado di rompere gli schemi chiedendo la possibilità di una comparazione fra il Dna del mostro di Lodi con quello ritrovato sugli indumenti di Yara. Cosa succederà? Gli inquirenti ascolteranno l’appello della trasmissione? Sarà possibile fare tale comparazione? Ci sono altri elementi che possono legare i due casi?

Seguici sul nostro canale Telegram

Lega affonda su Vendola: “Gay e pedofilo”, è bufera

Morte di Giuliano Gemma: l’omaggio di IRIS con la maratona Faccia d’Angelo