in

Chi l’ha visto?: Roberta Ragusa e l’incidente probatorio per Loris Gozzi

Tanti, troppi casi irrisolti. Uno di questi è, ancora, quello di Roberta Ragusa, ma le indagini proseguono e Chi l’ha visto? annuncia la possibilità di un rinvio a giudizio. Per spiegare questo scoop riguardo alle indagini, Federica Sciarelli, grazie ai servizi realizzati dagli inviati che compongono il team della trasmissione in onda su Rai 3,  può sottoporre, al pubblico televisivo, tutti gli ultimi sviluppi sul caso e raccontare, quindi, l’incidente probatorio sulle dichiarazioni del super testimone Loris Gozzi.

chi lha visto 8 maggio

Se le indagini sulla scomparsa di Roberta Ragusa proseguono, e l’incidente probatorio di martedì scorso, ne è una prova tangibile, a cosa porterà tutto ciò? Si è vicino ad una svolta? A spiegarlo ai microfoni del programma è Ugo Adinolfi, Procuratore Capo di Pisa, che dice: “abbiamo ancora molta attività istruttoria da fare…” e che, commentando quanto emerso dall’interrogatorio del testimone, interrogatorio eseguito dall’avvocato di Antonio Logli, afferma: “è un quadro interessante”. Per l’inviata che ha confezionato l’intervista e la stessa giornalista e conduttrice che, oltre a ciò che ha visto può far leva sulle affermazioni dell’avvocato presente in studio, è quindi facile trarre conclusioni e dire come, da martedì scorso, da quell’aula del Consiglio di Pisa, le cose siano cambiate. L’inviata, ha cercato, innanzitutto di capire come mai si sia scelta questa strada. Perché si sia richiesto un incidente probatorio per Gozzi e lo stesso Adinolfi le spiega come il testimone fosse a rischio di minacce ed altro e come, grazie alla preoccupazione condivisa con il Gip, si sia cercato di mettere al riparo la sua testimonianza che, ora, è a tutti gli effetti una prova per il processo, una prova documentale ed indelebile. Mentre, poi, Gozzi racconta delle domande a cui si è dovuto sottoporre, e del linguaggio aulico con cui erano formulate, oltre ad aggiungere come l’avvocato della parte avversa, scavando nel suo passato, abbia usato contro di lui i suoi precedenti, Adinolfi spiega come il Gip abbia fermato i tentativi, non pertinenti, dell’avvocato.

L’alibi di Logli, dopo le testimonianze di Gozzi, della moglie di questi e della suocera, pare far acqua da tutte le parti. Gozzi ha infatti raccontato di averlo visto in strada dopo la mezzanotte mentre Logli disse che quando era scomparsa Roberta lui stava dormendo nel suo letto. Non solo. Le dichiarazioni di Anita, la moglie di Gozzi sono ancora più precise visto che, oltre a confermare le dichiarazioni del marito, dice: “stavamo tornando a casa in auto e passato il passaggio a livello mio marito mi ha detto, guarda Anita c’è il signore della scuola guida” e prosegue dicendo: “il cane voleva uscire, Loris è uscito… io sono rimasta in casa e ho sentito delle urla, un urlo forte di donna e sbattere due porte di macchina e una partenza a tutta velocità….” Su queste dichiarazioni, pertanto, gli inquirenti stanno verificando i graffi notati sulla faccia e sulle mani dello stesso Logli, graffi che, Chi l’ha visto? ha immortalato il 16 gennaio, giusto qualche giorno dopo la scomparsa di Roberta.

Pizza senza lievito ricetta con foto

Equitalia e la rateizzazione, alzato il limite a 50 mila euro