in ,

No ai turni, chirurgo protesta: lascia paziente con addome aperto durante intervento

Che strano modo di manifestare il suo dissenso nei confronti delle nuove condizioni del contratto collettivo, imposto alla sanità pubblica, quello di un medico chirurgo a Zagabria: ha abbandonato un paziente in sala operatoria nel bel mezzo dell’intervento chirurgico, lasciandolo con l’addome aperto.medico chirurgo

Dimenticando ogni etica deontologica che dovrebbe guidare la sua impegnativa professione, contro le misure di risparmio introdotte dal governo della Croazia ha scelto una forma di protesta che esula da qualunque giustificazione. E trovando la cosa normale non ha nemmeno avuto problemi, ieri, a dichiararlo al quotidiano croato 24sata“Alle tre del pomeriggio ho iniziato un difficile intervento all’addome. Ho operato fino alle otto, l’operazione non era finita, ma il mio turno sì“, racconta il chirurgo croato, chiedendo l’anonimato. “Dato che non mi pagano più straordinari  sono uscito dalla sala operatoria e ho consegnato il paziente a un collega, appena arrivato al lavoro, che ha finito l’intervento dopo altre tre ore“. 

Il gesto, condannato non solo dalla stampa ma anche dall’Ordine dei Medici croati (Hlk), purtroppo non è isolato, e casi simili negli ultimi tempi si sono già verificati nel più grande centro ospedaliero in Croazia, la Kbc Zagreb. Il tanto contestato nuovo contratto di lavoro ha introdotto negli ospedali i turni, permettendo al massimo 180 ore di straordinari. In questo modo molti medici si sono visti drasticamente diminuire i loro salari di circa un terzo, così per molti è scattata la protesta. Il ministero contraddice e parla di una “più giusta e razionale organizzazione del lavoro”. E mentre la diatriba si porta avanti, a rimetterci le penne, come al solito, potrebbero essere i malati.

Anticipazioni Il segreto venerdì 24 gennaio: la dottoressa Casas abbandona Puente Viejo

pos

Vigili con il pos, multe con lo sconto se pagate subito