in

Chris Martin malattia: «Sono stato malissimo. Non riuscivo più a godermi le cose belle!»

È uscito oggi, 22 novembre 2019, Everyday Life, l’ultimo album dei Coldplay, anticipato qualche giorno fa dalle canzoni Orphans e Arabesque, che hanno ottenuto sin da subito un enorme riscontro da parte del pubblico. Un progetto costituito da due dischi – uno più sperimentale, l’altro tradizionale – che segna un rientro in grande stile del gruppo capitanato da Chris Martin, che ha vissuto qualche anno fa un periodo buio, in cui ha dovuto fare i conti con la depressione.

Chris Martin malattia: «Sono stato malissimo. Non riuscivo più a godermi le cose belle!»

Al “Sunday Times”, nel 2016, Chris Martin a cuore aperto aveva parlato della malattia, di quel doloroso senso di vuoto provato per la separazione con la madre dei suoi figli, l’attrice Gwyneth Paltrow. Il divorzio, annunciato nel 2014, è stato vissuto male dal frontman dei Coldplay«Puoi diventare aggressivo e darti la colpa, continuare a incolparti. Oppure puoi mettere te stesso in garage e come si dice “Prendere te stesso, ripulire i pezzi e riassemblare il tutto». Ad aiutarlo ad uscire dal tunnel della malattia anche una poesia, The guest house di Mewlana Jalaluddin Rumi: «La poesia di Rumi ha cambiato tutto: dice che anche quando sei infelice, è un bene per te. Mi ci è voluto un anno. Di depressione e tutto il resto». 

«Mi sentivo inutile e dannoso per chiunque…»

Chris Martin, parlando sempre della rottura con la Paltrow, a cui ha dedicato tra le tante canzoni il capolavoro Fix You, ha detto: «Non penso alla parola “divorzio” molto spesso, non lo vedo così. È come quando incontri qualcuno, trascorri del tempo insieme e poi le cose continuano ad andare avanti». E pure nel documentario «A Head Full of Dreams» che ripercorre i 20 anni di carriera, Chris Martin era tornato a parlare della sua vita privata e dello spettro della depressione«È accaduto al tempo del Mylo Tour ed è durato circa un anno. È stato davvero difficile, mi sentivo inutile e dannoso per chiunque. Dicevo a me stesso “sono un disastro” e non riuscivo a godermi le cose belle che c’erano ancora nella mia vita». Decisivi per il cantante la musica e gli altri componenti della storica band, Jonny Buckland, Guy Berryman e Will Champion: «In queste situazioni la mente può pensare il peggio. Ero talmente preoccupato per lui che la mattina quando lo chiamavo e mi diceva che andava meglio, ero sopraffatto dalla felicità», ha spiegato l’ex manager del gruppo Phil Harvey.

Gwyneth Paltrow: «Chris farebbe di tutto per me, anche se non sono più sua moglie!»

Quel che dimostra però la grandezza di Chris Martin, come uomo, oltre che artista, è il rispetto che nutre verso la ex moglie, il modo in cui è legato a Gwyneth Paltrow, con cui ha vissuto dieci anni di matrimonio: «Abbiamo le nostre vite ma restiamo una famiglia. Chris farebbe di tutto per me, anche se non sono più sua moglie. Credo sinceramente che, con il nostro esempio, abbiamo contribuito a qualcosa di positivo nella cultura del divorzio», ha spiegato in una recente intervista l’attrice di Hollywood, che da inizio 2015 sta con il produttore Brad Falchuk.

leggi anche l’articolo —> Gwyneth Paltrow, quella volta che Chris Martin «aggiustò» il suo cuore: la nascita della canzone “Fix You” 

Antonio Conte: «Non sono un leccac**o. Ai miei calciatori spiego anche come fare sesso!»

mosetti pace con giulia de lellis

Antonella Mosetti body sgambatissimo scopre i fianchi: dietro uno specchio che riflette il lato B perfetto (FOTO)