in

Cibo e palestra: cosa mangiare prima, durante e dopo

E’ tempo di duri allenamenti in palestra e diete più rigide che mai e spesso è convinzione assai diffusa che l’allenamento non va mai associato al cibo. Niente di più sbagliato! Si tratta soltanto di scegliere i cibi giusti da consumare prima, durante e dopo la palestra, in modo da integrare e reintegrare le energie necessarie per rendere l’allenamento ancor più efficace. Cosa mangiare prima di un allenamento? Ovviamente, evitate di assumere alcool e cibi particolarmente grassi e fritti, soprattutto a poche ore dall’inizio dell’allenamento.

salti in palestra

Scegliete sempre un qualcosa di leggero che apporti la giusta energia, come della frutta secca o un panino, consigliati a distanza di circa un’ora dall’inizio dell’allenamento. Puntate invece ad un pasto più sostanzioso ma non ipercalorico, come una bistecca con insalata o un primo piatto, a distanza di circa 3-4 ore. Per prepararsi al meglio, bevete sempre almeno tre bicchieri di acqua nelle 2-3 ore precedenti. Per allenamento particolarmente intensi e lunghi, oltre i 60 minuti, idratatevi con uno sport drink da consumare durante l’allenamento stesso.

Al termine della fatica, nei 30-45 minuti successivi, si consigliano cibi o liquidi particolarmente dolci, come frutta, barrette specifiche e succhi di frutta. Riguardo alle barrette proteiche, ricordate che esse devono essere assunte in modo moderato, in quanto il rapporto deve sempre essere di 1 a 4 rispetto ai carboidrati, per evitare di impattare negativamente sulla reidratazione e sul ripristino delle scorte di glicogeno.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Heineken tour 2014

#IOSPILLO NIGHTS: a Campobasso il 5 giugno 2014 si serve birra a regola d’arte

fuorionda delrio

Renzi: il bonus di 80 euro in busta paga è arrivato. E adesso?