in

Cicciolina indebitata mette i beni all’asta: anche un fallo di cristallo per pagare le bollette

È passato già qualche mese dalla rivelazione di Cicciolina di mettere all’asta alcuni dei suoi beni e degli oggetti che le sono appartenuti per pagare le bollette. E ieri sera, mercoledì 8 maggio 2019, nel salotto di Live- Non è la D’Urso l’ex porno star è tornata sull’argomento spiegando nei particolari quali siano gli effetti personali di cui intende liberarsi per cercare di ‘mettere una pezza’ alla situazione economica che sta vivendo.

Cicciolina, il taglio del vitalizio e le difficoltà economiche

Alla base dei problemi finanziari di Ilona Staller, in arte Cicciolina, vi è la decisione del Parlamento di tagliare il vitalizio di cui l’ex porno star godeva in quanto parlamentare. L’attrice sarebbe dunque passata dal percepire una pensione di duemila euro ai ‘miseri’ ottocento, insufficienti a coprire le spese mensili della Staller. Una decisione che non è affatto andata giù alla star dei film per adulti, che non ha perso occasione per esprimere il suo disappunto in questa o quella trasmissione televisiva.

Cicciolina, un fallo di cristallo tra gli oggetti all’asta

Nell’ultima ospitata di Live- Non è la D’urso, Cicciolina è quindi tornata a spiegare quali siano, in particolare, gli oggetti messi all’asta per ‘sopravvivere’ alle circostanze economiche avverse. All’abito tricolore indossato il primo giorno in Parlamento – già citato in una recente intervista a Vanity Fair – si è ora aggiunto un oggetto personale molto singolare: un fallo in cristallo di Murano che ha attirato l’attenzione di media e spettatori. Ricordiamo che in vendita vi è anche la villa romana dell’attrice sulla Cassia, e chissà che nel tempo non si aggiungano altri oggetti bizzarri, caratteristici della vita dell’ex porno star.

Leggi anche —> Cicciolina, la verità su Pito Pito: il boa della pornostar non morì ucciso da un topo

Scuola, mancano gli alunni: il sindaco iscrive 15 pecore per non tagliare le classi 

Marco Vannini ultime news Antonio Ciontoli, avvocati ricorrono in Cassazione: «Cinque anni sono troppi»