in ,

Cinema in lutto, è morta Elsa Martinelli: incantò gli Stati Uniti

Cinema in lutto, è morta a Roma nella sua casa di via Flaminia l’attrice Elsa Martinelli. A darne notizia è l’Ansa da fonti vicine alla famiglia. Nata nel 1935 a Grosseto, era malata da tempo. Scoperta da Kirk Douglas, ha lavorato con tutti i grandi del cinema, da Orson Welles a Mario Monicelli, da Roger Vadim ad Alberto Lattuada. Lascia la figlia Cristiana, che insieme ai nipoti e alla famiglia era oggi al suo capezzale. Dal 1970 ha iniziato a diradare l’attività cinematografica, dedicandosi alla televisione, soprattutto a miniserie e telefilm in Italia. Nel 1971 ha presentato il Festival di Sanremo accanto a Carlo Giuffré. Nel 1995 la casa editrice Rusconi ha pubblicato la sua autobiografia Sono come sono. Dalla dolce vita e ritorno. I funerali si terranno a Roma, martedì 11 luglio alle 11 nella chiesa di Santa Maria del Popolo.

>>> Tutto sul mondo del cinema <<<

La filmografia di Elsa Martinelli

La filmografia completa della compianta attrice italiana, Elsa Martinelli:

  • Se vincessi cento milioni, regia di Carlo Campogalliani e Carlo Moscovini (1953)
  • L’uomo e il diavolo (Le Rouge et le noir), regia di Claude Autant-Lara (1954)
  • Il cacciatore di indiani (The Indian Fighter) regia di André De Toth (1955)
  • 4 ragazze in gamba (Four Girls In Town) regia di Jack Sher (1956)
  • Donatella, regia di Mario Monicelli (1956)
  • La risaia, regia di Raffaello Matarazzo (1956)
  • La mina, regia di Giuseppe Bennati (1957)
  • Manuela, regia di Guy Hamilton (1957)
  • Tunisi Top Secret, regia di Bruno Paolinelli (1959)
  • Ciao, ciao bambina! (Piove), regia di Sergio Grieco (1959)
  • Costa Azzurra, regia di Vittorio Sala (1959)
  • La notte brava, regia di Mauro Bolognini (1959)
  • I battellieri del Volga, regia di Viktor Turžanskij (1959)
  • Un amore a Roma, regia di Dino Risi (1960)
  • I piaceri del sabato notte, regia di Daniele D’Anza (1960)
  • Il sangue e la rosa (Et mourir de plasir) regia di Roger Vadim (1960)
  • Il carro armato dell’8 settembre, regia di Gianni Puccini (1960)
  • Il capitano del re (Le Capitan) regia di André Hunebelle (1960)
  • La minaccia (La menace) regia di Gérard Oury (1961)
  • Hatari!, regia di Howard Hawks (1962)
  • Pelle viva, regia di Giuseppe Fina (1962)
  • Il processo (Le procès) regia di Orson Welles (1962)
  • Pranzo di Pasqua (The Pidgeon That Took Rome) regia di Melville Shavelson (1962)
  • Il grande safari (Rampage) regia di Phil Karlson, Henry Hathaway (1963)
  • International Hotel (The V.I.P.S.) regia di Anthony Asquith (1963)
  • La calda pelle (De l’amour) regia di Jean Aurel (1965)
  • La decima vittima, regia di Elio Petri (1965)
  • Le meravigliose avventure di Marco Polo (Lo scacchiere di Dio) (La fabuleuse aventure de Marco Polo) regia di Denys de La Patellière (1965)
  • Da New York: la mafia uccide! (Je vous salue Mafia!) regia di Raoul Lévy (1965)
  • Come imparai ad amare le donne, regia di Luciano Salce (1965)
  • Allarme in cinque banche (Un milliard dans un biliard) regia di Nicolas Gessener (1966)
  • Dossier Marocco 7 (Maroc 7) regia di Gerry O’Hara (1967)
  • L’amore attraverso i secoli, regia di Mauro Bolognini (1967)
  • Sette volte donna (Woman Times Seven), regia di Vittorio De Sica (1967)
  • Qualcuno ha tradito, regia di Franco Prosperi (1967)
  • Candy e il suo pazzo mondo (Candy) regia di Christian Marquand (1967)
  • Il mio corpo per un poker, regia di Pietro Cristofani (1968)
  • Manon 70, regia di Jean Aurel (1968)
  • Un dollaro per 7 vigliacchi, regia di Giorgio Gentili (1968)
  • L’amica, regia di Alberto Lattuada (1969)
  • Katmandu, (Les Chemins de Katmandou) regia di André Cayatte (1969)
  • Maldonne, regia di Sergio Gobbi (1969)
  • Se è martedì deve essere il Belgio (If It’s Tuesday, This Must Be Belgium), regia di Mel Stuart (1969)
  • Una sull’altra, regia di Lucio Fulci (1969)
  • L’ultima rapina a Parigi (La part des lions) regia di Jean Larriaga (1971)
  • Il garofano rosso, regia di Luigi Faccini (1976)
  • Sono un fenomeno paranormale, regia di Sergio Corbucci (1985)
  • Atelier, regia di Vito Molinari – sceneggiato TV (1986)
  • Sette criminali e un bassotto (Once Upon A Crime) regia di Eugene Levy (1992)
  • Cabiria, Priscilla e le altre, regia di Fabrizio Celestini (1999)

Seguici sul nostro canale Telegram

Lorena Bianchetti età

Lorena Bianchetti età, marito e segno zodiacale: tutto sulla vita privata della conduttrice

Uomini e Donne gossip, Rosa Perrotta e Pietro Tartaglione pensano al matrimonio