in ,

Ciro Esposito, la Procura di Roma ha chiesto l’ergastolo per Daniele De Santis

Il caso Ciro Esposito torna alla ribalta delle cronache nazionali. La Procura di Roma ha infatti chiesto l’ergastolo per l’ultra della Roma Daniele De Santis, accusato di aver provocato la morte del giovane Esposito con un colpo di pistola, durante gli scontri che hanno preceduto la finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina del 3 maggio 2014. Ciro Esposito morì dopo un’agonia in ospedale durata 53 giorni, proprio a causa del colpo di pistola esploso dal De Santis.

Lo stesso De Santis, che ha assistito alle richieste della pubblica accusa in barella a causa delle ferite ad una gamba riportate durante gli scontri del 3 maggio, ha provato a difendersi affermando di non essere stato in possesso di una pistola, ma di essere stato aggredito da alcuni tifosi napoletani e di aver sottratto e sparato con l’arma di un partenopeo, invocando la legittima difesa. Per questo motivo, la Procura di Roma ha chiesto una condanna a tre anni degli altri imputati Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito, tifosi partenopei accusati di rissa aggravata.

I due avevano partecipato, insieme a Ciro Esposito, all’aggressione ai danni del De Santis, perpetrata in viale Tor Di Quinto, nei pressi della residenza del tifoso giallorosso. “L’ergastolo me lo do da solo, non me lo date voi. Non ho paura di morire, buffoni!” Queste le parole urlate dal De Santis mentre veniva accompagnato fuori dall’aula di Tribunale di Rebibbia

prendersi cura di una persona triste

Come consolare una ragazza: le 10 cose da fare che tutte vogliono

foto new york times premio pulitzer 2016

Pulitzer 2016: il premio a New York Times e Reuters per reportage fotografico sui migranti