in

Ciro Esposito news: sul suo cappello il sangue di Daniele De Santis

L’ultras della Roma Daniele De Santis sarebbe stato “sopraffatto” dai napoletani. Solo dopo sarebbero arrivati gli spari partiti dalla sua pistola che hanno colpito e ucciso (dopo una lenta agonia) Ciro Esposito. Da una ulteriore perizia dei RIS, infatti, emerge che sul cappello del tifoso del Napoli morto ci sono delle tracce del sangue di Daniele De Sanctis.

violenza negli stadi daniele de santis

Secondo gli inquirenti, dunque, Ciro e Daniele si sarebbero ritrovati a distanza molto ravvicinata perchè questo possa essere accaduto. Un corpo a corpo, forse non con lo stesso Ciro, ma quasi certamente con altri tifosi partenopei. L’ultras della Roma, come dimostra un’altra perizia presentata la scorsa settimana dagli avvocati di de Sanctis al gip, dice che il loro assistito avrebbe sparato dopo essere stato accoltellato.

Quest’altra indagine dei RIS confermerebbe quanto detto dalla prima. Non è un caso, infatti, che lo stesso Ciro Esposito era iscritto nel registro degli indagati per rissa aggravata. Dopo la rissa, la partita, le polemiche, le accuse, i pianti, l’agonia, la morte e i funerali di Ciro Esposito, la posizione di Daniele De Santis, la belva dalla prima ora, sta ulteriormente cambiando.

Roma ultime notizie cronaca nera: uomo ucciso al Prenestino

orsa uccisa in trentino

Cuccioli di Orsa Daniza morta: Chiambretti li vuole adottare