in

Cittadinanza italiana a Ramy, il bambino eroe dell’attacco allo scuolabus: Salvini dice “Sì”

Ramy, il “bambino eroe” dell’attacco allo scuolabus di San Donato Milanese diventerà un cittadino italiano. Come si sa dopo giorni di attenzione mediatica, Ramy è nato in Egitto, figlio di emigrati nel nostro paese e per ottenere la cittadinanza italiana avrebbe dovuto attender ancora diversi anni. Per Ramy però questo percorso sembra essersi concluso prima perché il ministro degli interni Matteo Salvini ha dato il consenso a concedere la cittadinanza, per “merito civile”, al piccolo eroe. Un eroe per davvero: a soli 13 anni non ha avuto timore di sfidare la morte per chiedere aiuto per sé stesso e per tutti i suoi compagni. L’attentato allo scuolabus è stato sventato senza morti proprio grazie al coraggio di Ramy.

Leggi anche –> Chi è Ramy, il ragazzino di 12 anni “eroe” che ha evitato la strage sul bus

Matteo Salvini e la cittadinanza a Ramy

Un evento davvero particolare quello che sta per accadere al piccolo Ramy. Lui otterrà la cittadinanza italiana prima del previsto grazie al suo gesto eroico. La decisione di concedergli la cittadinanza non è stata però immediata, anzi è giunta dopo un lungo dibattito. Il vicepremier Di Maio era deciso da subito a concedere lo status di cittadino italiano al piccolo Ramy, ma la questione si era complicata proprio per l’opposizione del ministro degli interni Matteo Salvini. Poche ora fa, però, il ministro Salvini ha cambiato idea e ha concesso il suo via libero a concedere la cittadinanza al piccolo Ramy. Matteo Salvini durante la registrazione del «Maurizio Costanzo show» a proposito del ragazzino che ha dato l’allarme ai carabinieri ha dichiarato: «Sì alla cittadinanza a Ramy perché è come se fosse mio figlio e ha dimostrato di aver capito i valori di questo paese, ma il ministro è tenuto a far rispettare le leggi. Per atti di bravura o coraggio le leggi si possono superare». Di Maio a tal proposito ha dichiarato: «Nei giorni scorsi avevo inviato una lettera proprio ai ministeri competenti per chiedere loro di conferire la cittadinanza per meriti speciali al piccolo Ramy. Sono felice di aver convinto anche Salvini sulla cittadinanza a questo bambino». 

La reazione di Ramy sulla scelta del ministro Salvini

Ramy, dopo aver appreso la notizia mentre ha dichiarato: «Sono contento, ringrazio Matteo Salvini e Luigi di Maio». Il padre del piccolo Ramy, Kaled Shehataha, ha aggiunto: «Ha fatto i salti di gioia, non se l’aspettava. Ramy è stato un eroe e l’Italia glielo ha riconosciuto. Ho apprezzato molto le parole di Salvini che lo ha considerato come suo figlio». Dopo le parole di Salvini anche il padre di Adam El Hamami, l’altro ragazzino eroe di origini egiziane che ha chiamato i soccorsi dall’autobus, ha deciso di dire la sua. Khalid El Hamami ha detto a riguardo: «Sarebbe bello che dessero la cittadinanza anche a mio figlio Adam, che, come si è sentito anche dalle registrazioni delle telefonate al 112, ha chiamato i soccorsi. Adam è un ragazzo sensibile ed è rimasto molto male del fatto che tutti, anche a scuola, parlino del compagno ma non di lui». Non ci resta a questo punto di seguire la vicende per vedere se i ministri accoglieranno anche la richiesta di Adam.

Leggi anche –> Bus in fiamme, chi è Simone Zerbilli: l’uomo che ha salvato i bambini

Laura Chiatti e Marco Bocci Instagram: un lato b davvero particolare

Cecilia Rodriguez Instagram: le foto in costume alle Maldive fanno impazzire i fan