in

Civitanova Marche: donna sfregiata con acido e accoltellata, chi è l’aggressore

Tentato omicidio a Civitanova Marche. Shock ieri pomeriggio intorno alle 18:30, quando in pieno centro cittadino un uomo ha lanciato dell’acido addosso alla moglie, che per scampare alla morte si è rifugiata all’interno di un ristorante. L’aggressore, non pago, l’ha seguita fin dentro l’esercizio e l’ha aggredita nel bagno a colpi di coltello all’addome. Si tratta di un cittadino macedone di 32 anni, poi bloccato dal titolare del locale e tratto in arresto dai carabinieri.

FEMMINICIDIO A PIACENZ A

Donna accoltellata nel bagno di un ristorante

La vittima, una donna di origine rumena, è stata soccorsa in gravi condizioni e portata in ospedale. Dalle prime indiscrezioni emerse pare che abbia riportato profonde ferite all’addome e forse l’acido che il coniuge le ha lanciato nel sottopasso l’ha colpita ad un occhio. Il fatto si è verificato in Corso Vittorio Emanuele a Civitanova Marche, in provincia di Macerata, davanti agli occhi attoniti di diversi testimoni.

omicidio a torino

Aggressore durante accoltellamento: “Mi ha rovinato la vita, la dovevo uccidere”

“Mi ha rovinato la vita, la dovevo uccidere”, avrebbe urlato l’uomo mentre inveiva sulla vittima. L’aggressore sarebbe stato poi in qualche modo calmato dal titolare dell’esercizio e dai camerieri prima di consegnarsi alla polizia che lo ha tratto in arresto per tentato omicidio. La vittima avrebbe 29 anni e subito dopo l’arrivo al pronto soccorso è stata sottoposta a delicato intervento chirurgico. Il fermato è stato poi interrogato a lungo e, si apprende, avrebbe riferito di rapporti conflittuali e ormai deteriorati con la moglie. Si ipotizza il movente della gelosia dietro il tentato omicidio: lui bracciante agricolo, sarebbe stato geloso della professione esercitata dalla compagna, che sarebbe una ballerina di night. Vicino al luogo dell’aggressione proprio in quei momenti si trovava anche la deputata civitanovese M5s, Mirella Emiliozzi, che ha dichiarato: “Non mi interessa la nazionalità sono cose che non devono succedere e basta, perché qualunque sia il motivo non è giustificabile usare tanta violenza, non riesco davvero a concepirla”.

Potrebbe interessarti anche: Donna uccisa a Savona: soffocata con sacchetto di plastica, sarebbe stato il marito

Colletta coop 700 ore di permesso

Travolta da un Tir all’uscita dal lavoro: scatta una catena solidale tra i colleghi che le donano 700 ore di permesso

allerte meteo oggi

Meteo prossime ore: allerta meteo al Sud, arancione in Calabria