in

Claudia Gaffuri di Un Passo dal Cielo 3: intervista esclusiva

Claudia Gaffuri, una delle protagoniste di Un Passo dal Cielo 3, volto storico della fortunata fiction di Rai 3 dove interpreta Chiara, impegnata ancora in questi giorni sul set dell’amatissima serie Rai in cui recita al fianco di Terence Hill, Katia Ricciarelli, Francesco Salvi e tantissimi altri, ha trovato il tempo per raccontarsi su Urbanpost, svelando qualche anticipazione per i fan.

Cosa puoi anticiparci su Un Passo dal Cielo 3? Quali novità ci saranno per Chiara, il tuo personaggio? Anticipazioni a carattere generale diciamo che ci saranno dei personaggi nuovi che ci affiancheranno nelle nostre avventure, e sono sicura che entreranno subito nel cuore di tutti. Per quanto riguarda invece Chiara diciamo che finalmente farà della sua passione il suo lavoro e quindi diventerà una cuoca, un’ aiuto-cuoca. La vedremo destreggiarsi in cucina, la seguiremo nelle sue difficoltà iniziali, nei suoi successi … . E’una parentesi molto carina da seguire secondo me. Avrà una nuova amicizia con Natasha che è un personaggio che si è già visto nella seconda stagione. Per quanto riguarda la vita sentimentale di Chiara, rimanendo molto vaghi,diciamo che come tutte le future coppie inizieranno a progettare una nuova vita insieme, ma ovviamente come accade nella vita reale non sarà tutto rose e fiori …

Dopo tre stagioni di questa fiction di grande successo cosa senti di avere in comune con Chiara ed in cosa siete completamente diverse? Questa sinceramente è una domanda molto difficile. Ci ho pensato svariate volte. Sicuramente il fatto che io non ho un handicap che Chiara invece ha, che in un modo o nell’altro, anche se lei è molto abile a conviverci, ti condiziona la vita. Direi che già questa cosa è una cosa che ci diversifica molto nel senso che potenzialmente potremmo avere anche dei tratti in comune caratteriali, però lei vive le situazioni in maniera diversa rispetto a come le vivo io; è molto più razionale di quanto non lo sia io, anche se io per natura sono una persona molto razionale, ci penso e ripenso, ma alla sua età ero più istintiva di come lo è lei.  Siamo abbastanza simili, ma al tempo stesso diverse. Non saprei in cosa ancora… Siamo due persone molto pacate, è molto difficile farci arrabbiare … però approfondirò

Quali difficoltà hai trovato nell’interpretare tale personaggio? No, in realtà no. Il personaggio è sempre stato scritto molto bene, ha avuto una evoluzione anche caratteriale, l’abbiamo conosciuta da ragazzina e nel mentre è diventata una giovane donna e questa evoluzione mi ha aiutato molto ad entrare in lei. Le difficoltà che ho avuto più che altro all’inizio sono state sul fatto di lavorare sul fatto che lei sia una persona non vedente quindi al di là di come tenere lo sguardo proprio il fatto come cammina, come si muove, come ascolta … è questo il lavoro grosso che in realtà ho fatto e all’inizio mi ha dato un attimino di problemi in più perché è stata una scoperta anche per me.

Una sfida vinta, il riscontro del pubblico ti fa capire che sei riuscita ad interpretarla bene, a renderla credibile e ad entrare nel cuore di tanti fan. Sì questa è la cosa bella. Questo per me è stato il primo lavoro in assoluto. Affrontare un personaggio così complicato mi ha un po’ spaventato, io al momento stavo ancora studiando e avevo paura di sbagliare. Però quando le persone ti incontrano per strada, oppure mi capita spesso che mi scrivano persona che hanno dei famigliari che hanno lo stesso handicap di Chiara e che in me rivedono qualcosa dei loro parenti e questa cosa mi da soddisfazione perché mi dico che allora sono sulla direzione giusta.

claudia gaffuri intervista

Come è il rapporto con gli altri attori che fanno parte del cast? Cosa succede dietro la cinepresa nei momenti di svago? Hai qualche aneddoto divertente da svelarci? Come è stato lavorare con Terence Hill, ma soprattutto con Francesco Salvi e Katia Ricciarelli? Aneddoti al momento non mi vengono in mente. Ci divertiamo sicuramente moltissimo, siamo tutte persone serie e ligie, precise sul lavoro, ma sicuramente fra un ciack e l’altro c’è la battutina, qualcuno sbaglia a dire qualcosa e ci scappa da ridere. Ci divertiamo parecchio! Loro sono tutte persone squisite. L’ho detto anche a mia madre proprio come prima cosa dell’esperienza. Sembra di stare con delle persone che conosci da sempre. Ti trovi subito bene, è difficilissimo trovarsi male con degli artisti così quindi quando sei sereno è normale che ridi e parli delle tue cose e ti confronti. Oramai ci conosciamo abbastanza dopo tre stagioni e quindi, non dico che siamo una famiglia, però ci vogliamo bene e quando vuoi bene a qualcuno ti senti sereno e puoi essere te stesso alla grande. All’inizio, quando ti trovi a lavorare con dei Grandi, hai un pensiero del tipo: “oh cavolo, questo è un Artista di un certo tipo!”, soggezione che in realtà è tutta personale, ma appena ti presenti capisci che non è il caso, che non si devono avere preoccupazioni di questo genere.

Progetti per il futuro? Sogni nel cassetto? Io ho un cassetto pieno di  sogni, sono passata addirittura all’armadio perché il cassetto l’ho già riempito da tempo. Sono proprio una valanga le cose che vorrei fare. Al momento sono concentrata su questo che devo fare bene e preferisco stare proiettata in questa direzione. Progetti ce ne sono, ma fin tanto che non si realizzano è inutile parlane anche per una questione scaramantica. Sicuramente mi piacerebbe andare avanti in progetti televisivi come questo, mi piacerebbe tornare a teatro ed il grande sogno rimane il grande schermo. Qualcuno con cui vorresti lavorare? Io sogno una spugna e quando lavoro con le persone cerco di rubare qualcosa per cui mi piacerebbe lavorare con più persone possibili in modo da prendere qualcosa da tutti. Sono libera da qualsiasi pregiudizio, sono un’entusiasta, io sono una persona negativa, ma quando si tratta di sognare mi piace sognare altissimo . . . .

foto di Alessandro Rabboni

i Cani preferiscono le carezze

Cani e coccole: l’amico Fido preferisce le carezze alle lodi vocali

cancellarsi da facebook

Come cancellarsi da Facebook definitivamente