in

Click&Boat, la startup del noleggio barche: “Il consumo collaborativo ha quel lato umano che manca negli altri settori”

Una nuova startup innovativa si sta affacciando al mercato italiano: si tratta di Click&Boat, un vero e proprio airbnb per il noleggio delle barche. L’impresa innovativa, nata in Francia nel 2013, propone una piattaforma per noleggiare e/o cercare barche da noleggiare sfruttando il modello del consumo collaborativo. “Il consumo collaborativo é caratterizzato da quel lato umano e informale che spesso manca negli altri settori”, ecco cosa ci ha raccontato Veronica Bresciani, Country Manager di Click&Boat.

Click&Boat, l’airbnb del noleggio barche… Da chi e com’è nata l’idea di questa startup?

“Fondata nel Settembre del 2013 da Edouard Gorioux e Jérémy Bismuth, accomunati da una grande amicizia e passione per il mare, Click & Boat é il risultato di una constatazione ovvia: milioni di barche vengono lasciate a “riposo” nei diversi porti europei rappresentando un costo per i loro proprietari (mantenimento, ancoraggio, assicurazione).”

Quando si pensa al turismo, la mente balza subito verso gli hotel. Ma quali sono i numeri di chi sceglie invece una barca? E quali sono i principali limiti/difficoltà di chi possiede un’imbarcazione in Italia?

“Grazie alle 75.203 barche, i 689 porti, i 7.600 chilometri di costa, le 800 isole e soprattutto grazie ai 73.238.000 passeggeri l’anno, l’Italia rappresenta un grande potenziale per Click & Boat. La domanda di locazione nel Bel paese non é formata solamente da italiani, anzi attrae ogni anno milioni di visitatori da tutto il mondo.
Inoltre una barca naviga in media dieci giorni l’anno e al proprietario costa annualmente il 10% del prezzo iniziale dell’imbarcazione. Allo stesso tempo, molte persone desiderano navigare ad un buon prezzo e non posseggono le disponibilità economiche per diventare proprietari.”

Siamo abituati a vedere il modello “Airbnb” applicato agli affitti di stanze/appartamenti… Come funziona quindi Click&Boat? Quali sono i vantaggi di adottare questo modello?

“Gli individui che desiderano noleggiare la loro imbarcazione creano un account gratuito nel sito di Click & Boat. Scelgono il prezzo, indicano la loro disponibilità e l’attrezzatura presente all’interno dell’imbarcazione. Il loro annuncio verrà pubblicato dopo l’autorizzazione da parte del servizio qualità di Click & Boat. Invece le persone in cerca di un’imbarcazione, selezionano il porto di partenza e le date del noleggio nel motore di ricerca interno al sito. Comparirà così una lista con le barche disponibili al noleggio, i locatari dovranno selezionare quelle alle quali sono interessati e contattare i proprietari. Appena il noleggio viene accettato dal proprietario, i locatari potranno procedere direttamente online al pagamento.Il proprietario e il locatario si incontrano il giorno del noleggio. La consegna delle chiavi avviene dopo aver compilato una check-list, nella quale vengono indicati gli eventuali danni e difetti già presenti nell’imbarcazione e la firma del contratto di locazione ( pre-compilato e convalidato da Click&Boat). Le stesse formalità devono essere effettuate una volta che la barca viene restituita. Dopo il noleggio, sia il proprietario che il locatario si valutano l’un l’altro sulla piattaforma.”

Qual è stata la risposta nei Paesi in cui è già stato lanciato questo servizio?

“Il risultato é stato sorprendente! Solamente l’anno scorso abbiamo raggiunto la quota di 2500 barche nella piattaforma, in più di 200 porti in Francia ed Europa, gli utenti sono più di 30000 e le recensioni ammontano a più di 5000. Infine l’ammontare donato ai proprietari é stato di 2 000 000 di euro.”

Parliamo infine del consumo collaborativo: quali sono i punti di forza che lo rendono, sempre più spesso, protagonista del mondo dell’innovazione?

“Il consumo collaborativo é caratterizzato da quel lato umano e informale che spesso manca negli altri settori. Ad esempio nascono vere e proprie amicizie fra proprietari che registrano l’imbarcazione nella nostra comunità, in quanto magari uno dei due decide di noleggiare una barca in un’altra zona e quindi contatta un proprietario e trascorrono una piacevole vacanza insieme, oppure perché si conoscono in degli eventi organizzati da Click&Boat, come aperitivi. Inoltre un grande punto di forza del consumo collaborativo é la flessibilità. I proprietari restano disponibili per ogni tipo di informazione e navigano da anni. Infine il lato economico; questo tipo di economia apporta del benessere alla comunità; ai proprietari che riescono a recuperare un po’ delle ingenti spese che investono nel mantenimento della propria barca, a chi cerca una barca in quanto i prezzi sono molto competitivi, e più in generale apportano vita ai piccoli e grandi porti, insomma rimettono in moto l’economia.”

Cosa fare il Primo Maggio 2016 a Milano: musei gratis, eventi, gite fuori porta e idee curiose

Roma omofobia ragazze

Primo Maggio 2016 a Roma e Taranto: le migliori offerte per non perdersi i concerti