in ,

Cocaina in valigia: Elisa Salatino non collabora con gli inquirenti, indiscrezioni su provenienza droga

Cocaina in valigia all’aeroporto di Melbourne, in Australia. Elisa Salatino interrogata dagli inquirenti non avrebbe dato risposte esaustive. La 39enne in carcere avrebbe anche negato di sapere da dove arrivasse la droga (5 kg di cocaina pura) che nascondeva in valigia, soprattutto a chi fosse diretta e come l’ha procurata. “Se continua così, rischia 25 anni di carcere”, scrive Repubblica.it.

Il sospetto è che la sostanza stupefacente provenga dagli ambienti della ‘Ndrangheta: “Le modalità sono certamente quelle della ‘ndrangheta. In questo momento nessun’altra organizzazione criminale è in grado di trasportare e soprattutto di piazzare in Australia una quantità del genere di cocaina”, scrive Repubblica citando “una qualificata fonte italiana”.

Al setaccio degli investigatori gli ultimi suoi spostamenti, i tabulati telefonici e i dati del suo cellulare, sequestrato dalla polizia australiana. Secondo le nuove indiscrezioni emerse la 39enne non aveva una buona situazione economica a causa dei debiti maturati dall’ex marito con problemi di droga. Tre viaggi all’estero negli ultimi tempi, uno dei quali fatto da sola, sarebbero al vaglio degli investigatori.

industria 4.0 torino

Industria 4.0 Italia: al Politecnico di Torino un Centro di Competenza

Reggio Emilia-Olimpia Milano Coppa Italia risultato finale

Olimpia Milano – Reggio Emilia 87-84 risultato finale Coppa Italia 2017 Final Eight