in ,

Coldiretti: crescono le esportazioni del cibo Italiano, gli stranieri amano i nostri prodotti

Secondo una recente analisi firmata Coldiretti-Ismea relativi ai primi quattro mesi del 2013 , il made in Italy sta spopolando sulle tavole straniere. Ad andare forte sono i prodotti che caratterizzano la produzione nazionale che fanno registrare performance sorprendenti nelle esportazioni. Spumante ed olio risalgono la classifica dei prodotti top, +19% spumante e +16% dell’olio, ma risultati positivi fanno segnare anche i dolci e le conserve di pomodoro (+12 %), la frutta (+11 %) e la pasta (+8%).

Un incremento consistente che ha visto il settore agroalimentare verso il record storico di 34 miliardi fatturati all’estero durante l’anno.

Sempre secondo Coldiretti, i paesi che apprezzano la produzione alimentare italiana di qualità sono aumentati, soprattutto le esportazioni dirette in Russia (+10,1%), in Canada e in Giappone (+8,6%) e negli Stati Uniti (+8,3%) fuori dall’Europa ed in Austria (+9,1%), nel Regno Unito (+6,6%) e nei Paesi Bassi (+6,1%) tra i paesi Ue. La tavola italiana attrae la passione al buon cibo che sempre più stranieri dimostrano di avere, e ciò è confermato dal fatto che i flussi turistici, mettono in evidenza il vero plus della vacanza Made in Italy, rendendo il nostro paese leader nel turismo enogastronomico a livello mondiale con oltre 24 miliardi di euro spesi dai turisti nazionali ed esteri nel belpaese per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per acquistare prodotti tipici.
cibo italiano


Pochi sanno che l’Italia è uno dei pochi paesi che ha adottato la cultura della non coltivazione Ogm, ed ha inoltre il primato europeo nel numero di aziende biologiche e vanta di ben 4698 i prodotti alimentari tipici presenti sul territorio nazionale che sono ottenuti secondo regole tradizionali.

Seguici sul nostro canale Telegram

Anticipazioni Il segreto settimanali dal 19 al 23 agosto: Juan torna a Puente Viejo e Pepa viene accusata della morte del figlio di Angustias

nano -chip

Cause del cancro: ecco la mappa-video che aiuta le terapie