in ,

Come abbronzarsi bene, in fretta e senza scottarsi

Avete solo qualche giorno di vacanza al mare e volete tornare con un’abbronzatura perfetta che vi rimanga almeno per qualche tempo? Il segreto per un’abbronzatura duratura che vi eviti di spellarvi appena tornate dalla vacanza è prendere il sole poco per volta e con costanza: quindi anche se avete una sola settimana non esagerate o rischierete di tornare esattamente come siete partite. Ad ogni modo Urban Donna – Bellezza vi suggerisce alcuni trucchi per abbronzarvi bene, in fretta e senza scottarsi durante la vostra breve vacanza.

>> Consigli pratici per abbronzarsi bene in vacanza <<

Il primo segreto per evitare di scottarvi il primo giorno di mare è non partire completamente bianchi per le vacanze senza aver fatto vedere per tutta l’estate il sole alla pelle. Dopo un intero inverno al chiuso la pelle ha bisogno di riabituarsi ai raggi solari e per questo motivo cercate, anche solo durante la pausa pranzo in ufficio, di stare il più possibile all’aria aperta e al sole in modo tale che la pelle riattivi le sue difese. Il secondo è utilizzare la protezione solare, partendo da una gradazione più alta i primi giorni e a scendere quando la pelle comincia a colorarsi; utilizzare la crema solare non significa “non abbronzarsi” bensì proteggerla dagli effetti negativi dei raggi solari che vi portano a scottarvi e a macchiare la pelle: per abbronzarsi bene, in fretta e senza scottature la crema solare è fondamentale, in particolare su chi ha la pelle molto chiara. 

Infine non bisogna dimenticarsi che l’alimentazione è di grande aiuto quando si tratta di abbronzarsi; una dieta ricca di frutta e verdura di stagione, in particolare di carote, albicocche ma anche pomodori, zucca gialla e fragole, oltre che insalate, cicoria, lattughe, meloni, peperoni, ciliegie, cocomeri, favorirà la melanina e quindi le vostre possibilità di abbronzarvi bene, in fretta e senza scottature.

allarme terrorismo dover

Allarme terrorismo (Video): aumentati i controlli a Dover, fino a 15 ore di fila

immigrazione rapporto Caritas gennaio 2014

Il profugo è un animatore, scatta la polemica a Peschiera Borromeo, “allora ritiro mio figlio”