in ,

Come adottare un bambino in Italia: i requisiti e la procedura

Sono molte le coppie in Italia che vorrebbero adottare un bambino ma l’inter non è né semplice né breve e soprattutto spesso non si sa come fare e a chi rivolgersi per un consulto. Urban Donna cerca di darvi delle linee guida per capire come e a chi è possibile adottare un bambino in Italia e quali sono i tempi. Prima di tutto è importante ricordare che è possibile adottare un bambino in Italia solo a coppie di coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni, o per un numero inferiore di anni se i coniugi abbiano convissuto in modo stabile e continuativo prima del matrimonio per un periodo di tre anni. Inoltre l’età dei potenziali genitori deve superare di almeno diciotto e di non più di quarantacinque anni l’età dell’adottando.

Se le coppie posseggono questi requisiti di base, possono presentare domanda di adozione presso il Tribunale dei Minori (anche più di uno) con in allegato una serie di documenti che è possibile conoscere qui. Tra di essi di particolare importanza ci sono i certificati di nascita, lo stato di famiglia, le buste paga e i certificati medici dei richiedenti. La documentazione e i successivi controlli fatti da parte delle istituzioni entro 120 giorni avranno una validità di tre anni e sono rinnovabili.

Una volta comprovati i requisiti, il Tribunale dei Minori decide la coppia più adatta al minore che deve essere adottato e predispone l’affido preadottivo, periodo durante il quale la coppia sarà controllata ma anche supportata nell’ingresso del bambino in famiglia. Al termine di un anno dall’affidamento, se non ci saranno impedimenti di nessun tipo, il bambino sarà definitivamente adottato e sarà tagliato ogni legame con la famiglia originaria.

Credit Foto: Ditty_about_summer / Shutterstock

golden globe 2016 diretta italia

Golden Globe 2016, la diretta in Italia: ecco i super favoriti dai bookmaker

Serena Garitta è incinta

Serena Garitta è incinta: a Domenica Live mostra il pancione e il suo giovane compagno