in

Come denunciare un affitto a nero e pagare pochi euro di affitto?

Grazie all’introduzione del nuovo regime della cedolare secca sugli affitti di case, immobili, appartamenti e fabbricati, il fisco ha più possibilità di individuare chi non registra i contratti agli affittuari. Con il disegno di legge n.23 entrato in vigore nel 2011, chi denuncia una locazione in nero, può godere di un regime fiscale di estremo favore che prevede la possibilità di richiedere l’applicazione di un canone annuo pari a 3 volte la rendita catastale.

Affitti in Nero

Oltre a questo notevole vantaggio automaticamente verrà allungata anche la durata del contratto, pari a 4 anni più 4 di rinnovo. Il rischio per il proprietario che mantiene un affittuario senza contratto è quello di realizzare su quella casa per oltre 8 anni un affitto molto al di sotto delle potenzialità del mercato. Bisognerà tuttavia fare sempre affidamento al tribunale civile e non all’agenzia delle entrate.

Facciamo un esempio. Prendiamo il caso di un’immobile in centro a Roma di circa 70 mq con una rendita di 1.000 euro al mese. Con l’applicazione della legge l’affitto dovrebbe essere al di sotto dei 300 euro. Questo però non avviene se l’inquilino in caso in cui si renda complice insieme al proprietario di casa per pagare meno sull’affitto, rishchierà di dover pagare l’imposta di registro sulla mancata registrazione dell’atto per la quale il fisco ritiene entrambe le parti solidalmente responsabili al pagamento del tributo.

Seguici sul nostro canale Telegram

Weibo: il Twitter cinese censura quasi il 15% dei messaggi

buta la mamma dal balcone per droga

Le Iene, il video sulla nuova droga impazza, ma Pablo Trincia rettifica