in

Come diventare docente universitario: requisiti, pubblicazioni, concorsi pubblici

Restare nell’ambiente accademico dopo la laurea è il sogno di tanti giovani. Il percorso per diventare docente universitario non è però così semplice. La strada da intraprendere è abbastanza lunga e travagliata soprattutto in Italia, ad ogni modo vediamo insieme passo passo come un laureato può intraprendere il cursus honorum accademico.

Cosa fa il docente universitario

Innanzitutto bisogna chiarire chi è il docente universitario e quale è il suo ruolo all’interno dell’ateneo. È docente universitario colui che è esperto di un determinato insegnamento e settore di studio. Ha diverse mansioni da svolgere: prepara le esercitazioni e le lezioni in aula, valuta la preparazione degli studenti tramite esami scritti e/o orali, assegna gli argomenti per le tesi di laurea, segue i laureandi nella stesura del lavoro finale, programma e svolge attività di ricerca, collabora nella gestione dell’università presso cui si lavora.

Come si diventa docente universitario?

Il primo passo per un giovane è armarsi di buona volontà. Tra i requisiti? Una grande propensione allo studio, ma non basta la sola passione. Per tale attività lavorativa bisogna avere un diploma di laurea dopo il quale è necessario conseguire il dottorato di ricerca. Durante il dottorato bisogna scrivere saggi da inserire in riviste scientifiche o veri libri da pubblicare e in ultimo vincere un concorso pubblico. Il dottorato di ricerca può avere una durata di un minimo di tre anni fino ad un massimo di cinque. Bisogna però chiarire alcune cose prima di andare avanti. Tre sono le figure che fanno parte dell’entourage accademico: il ricercatore, il professore associato e quello ordinario. Queste rappresentano la progressione di carriera di chi vuole a lavorare all’università. Il passaggio da un incarico all’altro è legato sempre ad un bando di concorso pubblico. Insomma si inizia come ricercatore e obiettivo è diventare docente ordinario. Detta così sembra semplice, ma nella pratica è tutt’altra questione.

Da dottorando a ricercatore

Soltanto dopo 3 anni dalla conferma del ruolo, il ricercatore può essere confermato nell’ateneo. In caso di esito negativo, invece, si potrà chiedere un nuovo giudizio dopo due anni. Da qui, sempre mediante concorso si può sperare di diventare docente associato. Con questa qualifica, potrete insegnare dalle 250 alle 350 ore annuali. Soltanto in seguito potrete sottoporvi ad un altro concorso pubblico per divenire docente ordinario, la massima qualifica universitaria. I diversi gradi non si devono necessariamente rispettare nell’ordine. C’è chi da ricercatore diventa docente ordinario saltando i passaggi intermedi. Il docente può essere affiancato da un esercitatore, da un cultore della materia o da un supporto alla didattica. L’esercitatore è un aiuto per il docente (può essere un altro professore, un ricercatore o un dottorando); il cultore della materia spalleggia il docente, a titolo gratuito, durante lo svolgimento degli esami (può occuparsi solo ed esclusivamente di didattica); infine il supporto alla didattica affianca il docente nei laboratori (può essere anche un giovane laureando).

Insomma non proprio una passeggiata nel parco, ma come si dice, chi vuole davvero qualcosa corre a prenderla, chi no cerca una scusa.

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Rientro a scuola: alcuni consigli per affrontare il trauma post vacanze

Temptation Island Vip 2018 tentatori: chi sono? Svelato il cast completo (FOTO)