in ,

Come insegnare ai bambini ad addormentarsi da soli, ecco tutti i segreti per mamme e papà

Vostro figlio non vuole andare a dormire, dopo una giornata intensa tra giochi, pianti e sicuramente tante risate, ma voi non vedete l’ora di essere tra le braccia di Morfeo. Un desiderio che però non si realizza nell’immediato, infatti, prima di godervi il tanto meritato riposo ci sono i vari tentativi di mettere a letto il vostro bambino. Un’operazione che può diventare più semplice guidando il piccolo ad apprendere come andare a dormire in autonomia.

Insegnare ai bambini ad addormentarsi da soli non è un compito facile, però con determinazione, amore e una buona dose di pazienza, nel tempo, si può riuscire a raggiungere questo risultato. Il primo segreto è creare un rituale che si ripete ogni giorno alla stessa ora, una sequenza di azioni che facciano capire al bambino che è arrivato il momento della nanna. Abbassare le luci, il latte prima di addormentarsi e la lettura della favola della buonanotte sono una serie di azioni che potete inserire nel vostro rito giornaliero. E’ importante che sin da neonati dormano nella loro culla, una regola da non infrangere anche quando si ha la tentazione di placcare l’ennesimo pianto, trasportandolo nel lettone. Un passaggio che risolve il problema solo temporaneamente ma che ritarda l’abituarsi dei bambini ad andare a letto da soli.

La soluzione più adatta nei casi dei risvegli notturni è fargli sentire la nostra presenza, accarezzandogli il pancino o la schiena, tenendogli la mano finché non si addormenta o sollevandolo un attimo per rassicurarlo ma senza cullarlo. E’ necessario spiegargli prima che si addormenti che noi siamo nella stanza accanto, questo per evitare che si spaventi per la nostra assenza. Altri validi aiuti per raggiungere lo scopo desiderato sono la ninna nanna cantata a bassa voce o un soffice peluche che può diventare il suo inseparabile amico della notte. Insegnare ai bambini ad addormentarsi da soli è un compito che richiede molta determinazione e tanta pazienza, infatti, anche quando il suo pianto potrebbe spezzarci il cuore è necessario essere coerenti e agire con fermezza, senza mettere in dubbio il nostro operato.

Photo credit: CroMary/shutterstock

Sinisa Mihajlovic facebook

Sampdoria, Mihajlovic parla del futuro: “Non ho ancora deciso che fare”

5 modi per capire se Lui è quello giusto