in ,

Come insegnare ai figli ad andare in bici da soli

Casco omologato, ginocchiere, abiti comodi e scarpe ginniche, ovviamente la biciclettina giusta: attrezziamoci di pazienza, fazzoletto per asciugarci il sudore, un bel po’ di tempo e serenità.

Due sono le tecniche di insegnamento:
1) la più antica ed usata, è quella delle due ruotine posteriori. Il bambino non si preoccupa dell’equilibrio ma impara prima a pedalare, sterzare, ruotare, frenare, tranquillo nella sua sella. Quando avrà imparato la tecnica, si tolgono le piccole ruote, lo si spinge restando vicino al bimbo, si corre insieme e si fanno diversi tentativi finché non riesce a stare in equilibrio e partire da solo.

2) La spinta col piede, è quella in cui il bimbo non mette i piedi sui pedali ma per terra e si spinge da solo, tirando su le gambe trattenendosi in equilibrio finché la spinta dura. Piano piano, potrà mettere i piedi nei pedali. Il genitore dovrebbe mettersi dietro e tenere con la mano il portapacchi, lasciandolo quando il bambino ha preso il via e si sente in equilibrio. Il bimbo a volte non si rende conto che sta andando da solo e si sente sicuro. Quando si accorge che non ci siete più, sarà felice e si sentirà soddisfatto e fiducioso in se stesso. Se il bambino cade, dotato di casco e ginocchiere non si farà male e quindi proverà ancora fino al successo.

Dzeko consigli fantacalcio 27a giornata

Calciomercato Roma: Dzeko tra Milan, Inter e Napoli, Zaza il probabile sostituto

iphone 7 uscita

IPhone 7 svelata data uscita ufficiale settembre, Apple festeggia il miliardesimo melafonino