in

Come preparare la pelle all’esposizione al sole con gli integratori giusti

La foto di un camionista di 69 anni ha fatto il giro del mondo un paio di anni fa. La sua particolarità era il volto dell’uomo: il lato sinistro per 28 anni era stato esposto al sole per molte ore al giorno, senza protezione. Ed era evidentemente molto più rovinato del lato destro, non esposto invece ai raggi allo stesso modo.

Un’immagine che vale più di mille parole e che è stata pubblicata sulla rivista The New England Journal of Medicine per far capire quanto un’esposizione scorretta al sole possa avere degli effetti pesanti sulla pelle.

Gli specialisti ripetono sempre l’importanza di una giusta protezione, ma a volte la voglia di tintarella fa dimenticare i rischi che si corrono. Nessuno dice di non esporsi al sole, ma è necessario farlo nel modo giusto e, nei limiti del possibile, cominciare mesi prima a preparare la nostra pelle affinché sia più forte.

Tutti sanno di non esporsi nelle ore più calde, e di usare sempre una protezione solare. Ma non sono le uniche precauzioni da prendere. Gli esperti consigliano di tenere sempre la pelle pulita ed esfoliata e di evitare il più possibile i prodotti chimici, che alterano la naturale protezione della pelle. Inoltre con un’alimentazione amica della pelle, si possono ottenere dei nutrienti necessari per prevenire i danni cutanei dovuti all’esposizione al sole.

Tutto questo però potrebbe non essere sufficiente, soprattutto per chi ha la pelle più delicata e sensibile. Può essere necessario l’uso di alcuni integratori, che hanno numerosi benefici tra cui proprio rendere la pelle più preparata all’abbronzatura. Alcuni di questi hanno funzioni specifiche che possono aiutare a seconda dell’obiettivo da raggiungere.

Ne esistono alcuni utili a chi vuole abbronzarsi un po’ di più e più in fretta, altri particolarmente utili per prevenire le macchie solari e altri ancora che possono evitare il precoce invecchiamento cutaneo e le malattie della pelle secondari alla troppa esposizione al sole.

Tra gli integratori più popolari per chi vuole abbronzarsi ci sono quelli di beta-carotene, un precursore della vitamina A che agisce come antiossidante nell’organismo. Questo ha una doppia funzione: da un lato stimola la produzione di melanina (quindi la pelle si abbronza più velocemente al sole). Dall’altro ha proprietà antiossidanti che neutralizzano l’azione dei radicali liberi prodotti dal raggi ultravioletti.

Un altro integratore molto versatile che non ha proprietà solo per la pelle, ma per tutto il corpo è la vitamina C. In particolare per la cute aiuta a preservare le fibre di collagene ed elastina, proteggendola così dagli effetti negativi delle radiazioni solari.

Lorena Castillo, responsabile del sito abcintegratori.it, ci spiega l’importanza di un altro nutriente essenziale: “La vitamina E ha un ruolo molto importante nel proteggere la pelle dai raggi solari perché ha la capacità di bloccare il passaggio dei radicali liberi, preservando la nostra salute. È presente in alimenti come i legumi, i cereali e le noci, ma in particolari stagioni dell’anno potrebbe essere consigliata l’integrazione”.

Anche gli acidi grassi Omega 3 hanno una funzione antiossidante che previene l’invecchiamento, la secchezza e la perdita di vitalità della pelle. In particolare, l’olio di fegato di merluzzo aiuta a prevenire il danno cellulare nel DNA e a proteggere dalle ustioni.

Le vitamine del complesso B intervengono invece in modo particolare sull’idratazione della pelle e la proteggano dall’irritazione. L’irritazione cutanea agisce da innesco per reazioni che danneggiano i tessuti cutanei accelerando l’invecchiamento cutaneo.

Un altro grande alleato per prevenire i danni del sole alla pelle e soprattutto agli occhi è la luteina, un pigmento vegetale liposolubile che si trova nelle piante, nelle verdure e nelle alghe. La luteina, che ha un grande potere antiossidante, agisce principalmente contro gli effetti dei radicali liberi dannosi per le cellule del sistema oculare, proteggendoli dalla luce ultravioletta che potrebbe passare attraverso la cornea e danneggiarla. Visto che il corpo umano non può produrre luteina, si rende necessario ottenerla dall’alimentazione e, a volte, dal giusto integratore.

Infine, anche i polifenoli contenuti nel tè verde sono associati ad una maggiore protezione contro i raggi UV e ad un miglioramento della pelle. Questi antiossidanti prevengono il danneggiamento del DNA delle cellule della pelle causato da un’esposizione prolungata.

Per tutti quelli che credono di non aver bisogno di protezione solare, qui sotto un video interessante sulla pelle vista attraverso una camera speciale a ultravioletti. Vale la pena guardarlo, nessuno può rimanere indifferente.

Mondadori offerte di lavoro: nuove assunzioni in Italia, le posizioni aperte, requisiti, come candidarsi

Nascondeva cocaina nelle tombe: marmista arrestato al cimitero del Verano a Roma