in ,

Come proteggere la casa da tutti i possibili rischi

Dormire sotto un tetto sicuro è un’esigenza molto sentita nel nostro paese. I danni in cui potrebbe incorrere un’abitazione, infatti, sono numerosi e spesso comportano conseguenze negative anche sulla famiglia che la abita. I possibili incidenti o imprevisti che possono minare la stabilità della propria casa sono, ad esempio, i guasti, le calamità naturali, i furti, gli incidenti domestici e molto altro. Eventi che è meglio prevenire, piuttosto che correre ai ripari nel caso dovessero presentarsi. Vediamo nel dettaglio quali rischi corrono gli immobili e come tutelarsi.

Quali sono i principali rischi che corrono gli immobili?

Terremoto

L’Italia è una terra instabile dal punto di vista sismico, tant’è che, dagli anni ’60, la legge prescrive di costruire seguendo le tecniche anti-terremoto. Il problema riguarda più che altro le case costruite prima di questa data (la stragrande maggioranza) e le costruzioni che non hanno rispettato le normative (che sono numerose). Questi immobili rischiano, di fronte a scosse ripetute, di subire lesioni provocando ingenti danni alle cose e alle persone che le abitano. Il terremoto è, infatti, un evento non prevedibile e non contenibile: meglio, quindi, correre ai ripari soprattutto se si risiede in zone ad alto rischio sismico.

Furto

Quasi due milioni di denunce per furto, in 10 anni, fanno dell’Italia uno dei paesi più a rischio dell’Unione europea, sopra la Francia e la Spagna. La differenza, infatti, dal 2006 al 2015, è raddoppiata, con quasi 235 mila furti nelle abitazioni, di cui 52 mila in Lombardia, volendo contare solo i casi ufficialmente denunciati alle forze dell’ordine. Non è un caso, infatti, che ultimamente sia in netta ascesa la vendita di sistemi di sicurezza per tutelarsi contro i furti domestici.

Incendio

Altro evento disastroso per un’abitazione è l’incendio, che può scoppiare per tantissime cause, e, se non fermato in tempo, può mettere a serio rischio sia l’immobile che la vita dei suoi abitanti. Un inizio di fiamma può essere provocato da un corto circuito, da un impianto obsoleto o non sufficientemente protetto. Ma può nascere anche da una cicca che finisce su un divano, o da una tenda troppo vicina al caminetto acceso. Insomma, le casistiche per questo tipo di incidente domestico sono molte e non vanno mai sottovalutate.

Protezione dagli imprevisti

Tutti questi appena visti, sono solo alcuni dei pericoli che possono mettere a rischio la serenità sociale ed economica di una famiglia. Ci si può difendere attrezzando adeguatamente gli impianti, ma, al di là di ogni possibile prevenzione, il modo migliore di tutelarsi contro tutti questi imprevisti, è stipulare un’assicurazione, così da essere sempre coperti. Nell’esaminare le varie offerte proposte dalle principali compagnie assicurative, sarà opportuno consultare i siti dedicati: di solito conviene stipulare un’assicurazione sulla casa su siti come groupama.it così da poter beneficiare di un ventaglio di garanzie molto ampio.

La copertura assicurativa in Italia

Secondo le ultime statistiche, le abitazioni assicurate contro i rischi furto e incendio sono concentrate soprattutto al nord, con una prevalenza massima in Lombardia, che conta da sola il 25% delle case assicurate. Il Centro Italia invece ha una percentuale di case protette solo del 10%, con una decisa concentrazione su Roma, mentre al sud Italia si scende sotto il 4%. Una situazione analoga si registra sulle coperture di tipo diverso, soprattutto per quello che riguarda il danno da eventi naturali, spesso aggiunta come clausola alla polizza preventiva principale.

L’importanza della prevenzione

Fronteggiare gli innumerevoli rischi che possono colpire un’abitazione è più che mai importante, e, oltre a prendere tutte le possibili precauzioni, conviene sempre stipulare un’assicurazione sulla casa per avere una copertura minima in caso di imprevisti.

“Io sono Mia” al cinema da gennaio: la Rai presenta il biopic dedicato a Mia Martini

Esplosione centro commerciale Villorba Treviso: cosa è successo, tutti i dettagli