in

Commissione Europea stage retribuiti 2015-2016: bando, scadenze e requisiti

La Commissione Europea ha messo a disposizione ben 1400 possibilità di stage retribuiti nella sede centrale. Si tratta della possibilità di fare un periodo di formazione retribuita della durata di cinque mesi nella sede principale di Bruxelles. É un’opportunità importante perché si dà la possibilità di lavorare in Commissione Europea o presso alcuni organi esecutivi e le agenzie delle istituzione eruopee. Come candidarsi? Andiamo a vedere le informazioni necessarie all’interno del bando: requisiti essenziali e scadenze per partecipare alla selezione.

=> CLICCA QUI SE VUOI CONOSCERE ALTRE OFFERTE DI LAVORO.

Per coloro i quali riusciranno ad accedere, è prevista una retribuzione di 1.000 €, più le spese di viaggio e l’assicurazione contro malattia. Per candidarsi c’è tempo fino al 31 agosto 2015. Di seguito, invece, i requisiti per potersi candidare:

  • Cittadinanza di uno stato membro dell’Ue o di uno stato candidato
  • Possesso di un diploma di laurea (almeno triennale)
  •  Per tirocini amministrativi: possedere una buona conoscenza di almeno due lingue comunitarie (es. italiano e inglese), una delle quali deve essere una delle lingue di lavoro della Commissione europea, quali inglese, francese o tedesco
  • Per tirocini di traduzione: possedere un’ottima conoscenza della lingua madre e di una seconda e una terza lingua comunitaria (tra inglese, francese o tedesco)
  • Non aver svolto un altro stage (retribuito e non retribuito ) per più di 6 settimane in una delle Istituzioni europee.

Per avere maggiori informazioni e inviare la tua candidatura consulta il sito ufficiale dell’offerta (cliccando qui).

 

Written by Giuseppe Cubello

Studente all'Università Magna Graecia di Catanzaro. Innamorato dello sport. Sogno di diventare presto giornalista pubblicista.

La prova del cuoco, Antonella Clerici: menù e ricette per un pranzo speciale

pensioni 2017 parla il vice ministro all'Economia Enrico Morando

Riforma pensioni 2015 ultime novità: pensioni anticipate, anche Enrico Morando è d’accordo