in

Compie un anno Liberland: lo stato senza stato (e senza tasse)

Ha compiuto il suo primo anno di vita Liberland, lo stato senza tasse, nato nella terra di nessuno al confine tra Serbia e Croazia. Ecco come è nato, le sue finalità, e la storia di questo primo anno di vita.

Cos’è Liberland?
Liberland nasce da un’idea di Vit Jedlicka, giovane liberista ceko, che sogna uno stato in cui “lo stato” non faccia assolutamente nulla, a parte occuparsi della sicurezza, dell’amministrazione della giustizia e della diplomazia.

Uno stato la cui tassazione sia praticamente zero, e che non metta limite alcuno all’iniziativa economica privata. Larga parte delle attività di un governo può essere svolta in automatico grazie alle tecnologie basate sulla blockchain e sui bitcoin.

Uno stato il cui motto sia “to live and let live”, ossia “per vivere e lasciar vivere”. Dato che è difficile arrivarci per via elettorale nelle democrazie moderne, perché non prendere un pezzo di terreno disabitato che non vuole nessuno e costruirlo da zero?

Qui sta la grande intuizione di Vit Jedlicka e dei suoi collaboratori: hanno trovato un tratto di terra disabitato di circa 7 kilometri quadrati, al confine tra Serbia e Croazia, un tratto di terra, sulla riva occidentale del Danubio, che non interessa a nessuna delle due nazioni, e vi sono sbarcati per far nascere la Terra dei Liberi, il 13 Aprile 2015.

senza tasse

Come l’hanno presa la Croazia e la Serbia?
Almeno un paio di volte la polizia croata ha arrestato Jedlicka e soci, ma a parte qualche nottata in cella, non è stato possibile incriminarli di qualche reato concreto.

Ad oggi la Serbia ha stabilito che Liberland non occupa territorio serbo, mentre la Croazia ne ha riconosciuto “di fatto” il territorio, stabilendo i confini tra Croazia e Liberland.

senza tasse

Come si è sviluppata l’attività in questo primo anno?
Fin dalla nascita di Liberland, è stato messo online il sito ufficiale Liberland.org, in cui si possono trovare le notizie aggiornate su tutte le attività dello “stato senza stato”, è possibile iscriversi alla newsletter, fare donazioni ed è possibile richiedere la cittadinanza.

Il requisito fondamentale per essere ammessi come cittadini è non essere mai stati membri di organizzazioni naziste o comuniste.

L’attività diplomatica è stata continua, con colloqui con ambasciatori di un gran numero di nazioni, in modo da essere presto riconosciuti ufficialmente come uno stato sovrano.

Sono stati nominati rappresentanti di Liberland tra gli attivisti che si sono messi a disposizione, in 60 nazioni, in tutti e 5 i continenti. Il rappresentante per l’Italia sarà Leonardo Facco, co-fondatore del Movimento Libertario.

E’ nata la prima linea aerea, la Air-Liberland, che vola con due aerei, da 4 e 6 posti, da Praga verso Osijek, l’aeroporto croato più vicino, ed è possibile candidarsi per giocare nella squadra di calcio del nuovo stato.

Dal punto di vista economico sono stati predisposti 2 fondi di investimento: il primo servirà a finanziare la nascita dello stato di Liberland e la sua attività diplomatica, il secondo a comprare terreni confinanti, sia dal lato serbo che da quello croato, per svilupparvi le attività accessorie necessarie al funzionamento di questa nuova piccola micro-nazione.

La foto sotto mostra buona parte del governo di Liberland: il presidente Vit Jedlicka con la sua consorte, al centro; sulla sinistra il Ministro delle Finanze Jan Purkrabek e il Ministro degli Esteri Monika Chlumska; sulla destra il Ministro degli Interni Ondrej Prihonsky. L’unico non ceko dell’attuale governo è il Vice Presidente, il francese Pierre-Louis Boitel.

senza tasse

E’ stato lanciato inoltre un concorso di architettura per progettare l’aspetto futuro di questo piccolo pezzo di terra, che come estensione supera solo lo Stato del Vaticano e il Principato di Monaco: i progetti partecipanti li potete vedere qui.

senza tasse

Obiettivi futuri
Tra gli obiettivi di Liberland c’è quello di essere di esempio per le altre nazioni del fatto che si può alleggerire al massimo il peso dello stato, favorendo di converso l’attività economica: qui su UrbanPost ne abbiamo parlato a proposito della classifica sulla libertà economica, e della Residenza Digitale Estone.

Correlato a questo obiettivo, il fatto che la crescita economica di Liberland faccia da traino anche per le nazioni confinanti e tutta l’area balcanica. Io sto pensando di trasferirmici, prima o poi, il tempo di mettere qualche soldino da parte, ho giusto un paio di idee su cosa fare…

Nato a Molfetta, residente da più di 20 anni a Bergamo, e innamorato follemente di Milano. Laureato in Economia Aziendale, ha una passione smisurata per la pubblicità, che ha trasformato in lavoro, occupandosi di Consulenza di Marketing, Copywriting e "Socialcosi". Altre passioni sono i viaggi, la tecnologia, il calcio, le ragazze (non necessariamente in quest'ordine) e l'automobilismo, per cui è giornalista, telecronista e speaker in pista.

ricette dolci

La prova del cuoco ricette dolci: torta pere e cacao di Luca Montersino

siti a luci rosse

Realtà virtuale aumentata [VIDEO]: sito a luci rosse inaugura un canale con visore a 360°