in

“Con questa faccia qui – Le canzoni che hanno fatto la storia di Ligabue”, il libro sulle 30 migliori canzoni del Liga

E’ stato recentemente pubblicato il libro Con questa faccia qui – Le canzoni che hanno fatto la storia di Ligabue di Giancarlo Passarella. Riportiamo nel seguito un comunicato del giornalista e scrittore che spiega come e perché nasca questo libro, incentrato su uno dei musicisti più influenti di sempre della scena rock italiana.

libro passarella ligabue

…e con che coraggio da questo elenco ho escluso Anime in plexiglass, Happy hour, L’odore del sesso, Libera nos a malo, M’ abituerò e Sono qui per l’amore? L’elenco potrebbe continuare, ma fare una scelta di solo 30 canzoni sulle 137 regolarmente pubblicate, è risultata una impresa ardua. Ed allora mi sono fatto aiutare dai fan del Liga: li ho invitati a fare anche loro lo sforzo di stilare una rigida classifica dei 30 brani più amati e poi ho sommato tutte queste hit parade e sono arrivato alla stesura dei 30 titoli che trovate in questo libro.

Da un punto di vista numerico, ho frequentato per 6 mesi un sacco di blog e forum, dove i fan del Liga si ritrovano spesso. Dalla mia collezione ho portato sul mio tavolo 72 tra mensili e settimanali, ma anche un po’ di dischi che fanno importante la mia collezione privata: mi sono così accorto che questo ragazzo di Correggio di strada ne ha fatta davvero tanta e la mente mi è corsa alla prima volta che l’ho incontrato fisicamente nel 1988 a Reggio Emilia, anche per ringraziarlo del materiale che mi aveva spedito l’anno prima a Via Asiago 10 a Roma, da dove trasmettevo per l’allora RAI Stereo Uno. Da quella esperienza radiofonica, è nato quello che per tutti è il sindacato dei fan club italiani e così mi sono imbattuto di nuovo con lui, visto che il suo Bar Mario fan club è una importante realtà aggregativa: il suo stand alle nostre convention è stato (sin dai primi anni) il più organizzato e con Marco Ligabue nel ruolo di nocchiero…

 Nello scrivere le 30 schede non ho usato un preciso canovaccio, ma rileggendole mi sono accorto che sono un buon equilibrio tra la passione per il collezionismo discografico e certi richiami letterari e perfino filosofici: mi accorgo che ho dato grande spazio alle opinioni dei semplici fan, così come trovano visibilità prestigiose firme del giornalismo italiano. Questo melting pot può risultare ostico a qualche bocca dal palato fine, ma è il mio stile e modus operandi: anche sulla testata MusicalNews.Com (che dirigo dalla sua fondazione) trovate sempre un articolo (intervista, recensione…) su una rockstar, accanto a quello di un emerito sconosciuto. Per coloro che non amano a prescindere il Liga, dirò subito che in questo libro ho usato per 41 volte la parola poeta: almeno hanno una occasione concreta per criticare tutto il progetto, senza nemmeno leggero …

Written by Vittoria Verdi

Giornalista pubblicista, reporter e copywriter. Appassionata di cinema, simpatizza decisamente per i cani ma sta imparando a relazionarsi ai gatti con risultati soddisfacenti, scrive per svariate testate giornalistiche on line e cartacee. Astemia, vintage prima della moda del vintage e amante dello smalto rosso in ogni sua declinazione.

Pallone d’Oro, Wenger senza freni: “Fa male al calcio”

Renzi e Alfano

Matteo Renzi incalza Letta: “Riforme, lavoro ed Europa, altrimenti Pd fuori da maggioranza”