in

Conclave 2013: personale giura su segretezza

Sono le ore del conclave. Ed anche quelle della “clausura”, non solo per i cardinali ma anche per confessori, medici, infermieri, ascensoristi. Tutti coloro che rientrano nell’elenco delle persone che oggi, alla vigilia della Messa pro eligendo Pontefice, dovranno prestare giuramento. Persone comuni che non parteciperanno, ovviamente, alla votazione ma che per motivi di lavoro dimoreranno nell’area riservata per tutto il periodo degli scrutini e fino all’elezione del nuovo Papa.

Sono le ore del conclave. Ed anche quelle della “clausura”, non solo per i cardinali ma anche per confessori, medici, infermieri, ascensoristi. Tutti coloro che rientrano nell’elenco delle persone che oggi, alla vigilia della Messa pro eligendo Pontefice, dovranno prestare giuramento. Persone comuni che non parteciperanno, ovviamente, alla votazione ma che per motivi di lavoro dimoreranno nell’area riservata per tutto il periodo degli scrutini e fino all’elezione del nuovo Papa.

Conclave

LA FORMULA Una mano sul Vangelo ed un giuramento solenne: “Prometto parimenti e giuro di astenermi dal fare uso di qualsiasi strumento di registrazione o di audizione o di visione di quanto, nel periodo della elezione, si svolge entro l’ambito della Città del Vaticano, e particolarmente di quanto direttamente o indirettamente in qualsiasi modo ha attinenza con le operazioni connesse con l’elezione medesima“. Novità introdotta dall’ultimo Motu proprio del “dimissionario” Ratzinger.

GLI OBBLIGHI In parole povere: obbligo di silenzio assoluto verso l’esterno e nessuna forma di colloquio con gli stessi cardinali.  Vige anche il dovere di segretezza su tutto ciò che sarà avvenuto all’interno delle mura. Dopo le polemiche e gli spifferi degli ultimi tempi, in Vaticano le precauzioni sono massime ed il livello di impenetrabilità ulteriormente elevato. Prudenza estrema. Come la punizione in caso di violazione. Per i “trasgressori” è prevista la scomunica.

Seguici sul nostro canale Telegram

Sondaggi Elezioni Politiche 2013

La stampa italiana contro Beppe Grillo: è il nuovo nemico pubblico?

Voltare Pagina