in ,

Concordia, l’ira di Gregorio De Falco: “Io vessato, medito di lasciare la Capitaneria”

Gregorio De Falco non manda giù il trasferimento forzato negli uffici della Capitaneria di Livorno, e giudica “priva di valenza” la sua nuova mansione svolta dai primi di ottobre. Rigetta con convinzione le motivazioni addotte dal comando di Guardia costiera per giustificare la sua rimozione dal settore operativo, e dichiara: “Questo trasferimento è il punto d’arrivo di un percorso che assume la connotazione di vessazione. Questo non è un avvicendamento, è una sostituzione con destituzione”.

De Falco, diventato ormai noto per la sua colorita esternazione – “Schettino, vada a bordo, cazzo!” – lamenta l’attenzione mediatica rivoltagli, “alla quale ho sempre cercato di sottrarmi”, e ammette di star meditando l’ipotesi di lasciare la Capitaneria.

Torino calcio ultimissime, Cairo: “Possiamo toglierci alcune soddisfazioni”

Hernanes Inter

Inter ultimissime, Hernanes: “Vogliamo arrivare in alto”