in

Concorso 300 notai: requisiti, domanda, tutte le informazioni per partecipare

Il Ministero della Giustizia ha indetto un concorso, per esame, a 300 posti di notaio. Per inviare la propria candidatura c’è tempo fino al 22 dicembre 2018. Vediamo insieme come partecipare alla selezione, i requisiti minimi e specifici richiesti e tutte le informazioni necessarie.

Requisiti per partecipare al Concorso Notaio

Per partecipare è necessario:
– essere cittadino italiano o di un altro Stato membro dell’Unione europea ed aver compiuto l’età di anni 21;
– non aver compiuto 50 anni;
– essere di moralità e di condotta sotto ogni rapporto incensurate;
– non aver subìto condanna per un reato non colposo punito con pena non inferiore nel minimo a sei mesi, ancorché sia stata inflitta una pena di durata minore;
– essere fornito della laurea in giurisprudenza o della laurea specialistica o magistrale in giurisprudenza date o confermate da una università italiana o di titolo riconosciuto equipollente ai sensi della legge 11 luglio 2002, n. 148;
– avere ottenuto l’iscrizione fra i praticanti presso un Consiglio notarile ed aver fatto la pratica per diciotto mesi, di cui almeno per un anno continuativamente dopo la laurea;
– non essere stati dichiarati non idonei in cinque precedenti concorsi per esami a posti di notaio, banditi successivamente all’entrata in vigore della legge 18 giugno 2009, n. 69.

Titoli di preferenza

Ai sensi dell’articolo 5, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, e successive modifiche, a parità di merito, sono preferiti:

  1. gli insigniti di medaglia al valor militare;
  2. i mutilati ed invalidi di guerra ex combattenti;
  3. i mutilati ed invalidi per fatto di guerra;
  4. i mutilati ed invalidi per servizio nel settore pubblico e privato;
  5. gli orfani di guerra;
  6. gli orfani dei caduti per fatto di guerra;
  7. gli orfani dei caduti per servizio nel settore pubblico e privato;
  8. i feriti in combattimento;
  9. gli insigniti di croce di guerra o di altra attestazione speciale di merito di guerra, nonché i capi di famiglia numerosa;
  10. i figli dei mutilati e degli invalidi di guerra ex combattenti;
  11. i figli dei mutilati e degli invalidi per fatto di guerra;
  12. i figli dei mutilati e degli invalidi per servizio nel settore pubblico e privato;
  13. i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti di guerra;
  14. i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per fatto di guerra;
  15. i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per servizio nel settore pubblico e privato;
  16. coloro che abbiano prestato il servizio militare come combattenti;
  17. coloro che abbiano prestato lodevole servizio a qualunque titolo, per non meno di un anno, nell’Amministrazione della giustizia;
  18. i coniugati e i non coniugati, con riguardo al numero dei figli a carico;
  19. gli invalidi e i mutilati civili;
  20. i militari volontari delle Forze armate congedati senza demerito al termine della ferma o rafferma.
  1. A parità di merito e di titoli, la preferenza è determinata:
    1. dal numero dei figli a carico indipendentemente dal fatto che il candidato sia coniugato o meno;
    2. dall’aver prestato lodevole servizio nelle amministrazioni pubbliche;

Come presentare la domanda

La domanda di ammissione al bando (a cui va aggiunta la marca da bollo di 16 euro) va presentata o spedita entro il 22 dicembre 2018 al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente in relazione al luogo di residenza dell’aspirante per via telematica, compilando l’apposito form, o a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento. Alla domanda va allegata:
– quietanza comprovante l’effettuato versamento della tassa erariale di euro 49,58 – stabilita dall’art. 2, terzo comma, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 21 dicembre 1990 – per ammissione ad esame di abilitazione professionale, quale adeguamento della tassa di ammissione agli esami di Stato per l’abilitazione all’esercizio delle professioni, di cui all’art. 4 della legge 8 dicembre 1956, n. 1378;
– quietanza comprovante l’effettuato versamento della somma di euro 51,55 – stabilita dall’art. 1 della legge 25 maggio 1970, n. 358 – a titolo di tassa di concorso e di spese di concorso.

Prove d’esame previste

L’iter selettivo del bando per notai 2018 prevede prove d’esame scritte e orali. L’esame scritto è costituito da tre distinte prove teorico-pratiche, riguardanti un atto di ultima volontà e due atti tra vivi, di cui uno di diritto commerciale. L’esame orale è scandito in tre prove che vertono su: diritto civile, commerciale e volontaria giurisdizione, con particolare riguardo agli istituti giuridici in rapporto ai quali si esplica l’ufficio di notaio; disposizioni sull’ordinamento del notariato e degli archivi notarili;
e disposizioni concernenti i tributi sugli affari.

Chi volesse conoscere maggiori dettagli sul concorso 2018 per 300 notai non deve fare altro che leggere il form disponibile sul sito web del Ministero della Giustizia e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale IV Serie Speciale Concorsi ed Esami n. 93 del 23-11-2018.

leggi anche l’articolo —> Concorsi pubblici statali 2019: ecco i bandi in uscita

Seguici sul nostro canale Telegram

Diretta Napoli-Stella Rossa: dove vedere in diretta TV e streaming Champions League

Maria Elena Boschi Matteo Renzi presenatno i Mille giorni di Governo

M5S News, Paragone: «Vicenda Di Maio? Renzi e Boschi hanno fatto l’ennesimo autogol»