in

Concorso Scuola 2016 novità: quando uscirà il bando e come cambiano le classi di concorso

Riflettori ancora accesi sul maxi-concorso dei docenti, che nei prossimi mesi aprirà le porte a 63.712 insegnanti abilitati, così come annunciato da Matteo Renzi in occasione del Consiglio dei Ministri in cui sono state presentate le misure che interessano la scuola.

La novità più importante riguarda la revisione delle classi di concorso, con uno snellimento delle stesse, che verranno ridotte da 168 a 116; di molte di essere cambierà soltanto la denominazione, altre saranno accorpate. I titoli di studio richiesti per insegnare le varie discipline saranno specificati all’interno delle stesse tabelle. Queste le parole del Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, riportate in una nota Ansa: “I criteri sono semplici: semplificare, adeguare, innovare. Semplificare perché nel tempo si sono stratificate classi distinte che non avevano più senso. Adeguare perché l’università dal ’99, anno di nascita delle attuali classi, è cambiata. E innovare perché anche la scuola è cambiata con la riforma delle Superiori del 2010 che ha introdotto nuovi indirizzi come il liceo musicale-coreutico”.

Come già anticipato da Urban Lavoro nei giorni scorsi, il candidato sarà chiamato a sostenere dei quesiti in una lingua straniera a sua scelta; le prove scritte, computerizzate, non prevedranno quiz ma risposte aperte.

Quanto bisognerà aspettare per l’uscita dei bandi? Secondo quanto riferito dalla Giannini, i bandi dovrebbero essere pubblicati entro la prima settimana di febbraio, le prove svolgersi presumibilmente tra marzo e aprile 2016.

Progettualità fotografica parte 1: generare un’idea

probabili formazioni Serie B

Serie B 2015-2016, le probabili formazioni della 23a giornata