in

Condono, Morani (PD): «La manina? Ieri sera Di Maio ridicolo». Molinari (Lega): «Contenuti DL noti da giorni»

Mentre Di Maio cerca di sdrammatizzare l’episodio commentando sui social “Non ci facciamo mancare nulla”, infuriano le polemiche sull’uscita televisiva del vicepremier a proposito del condono “nascosto” nel Dl fiscale. Tra le voci critiche nei confronti del vicepremier M5S c’è anche quella di Alessia Morani, deputata PD, intervenuta questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus. «Ieri sera pensavo di assistere al teatro dell’assurdo – ha affermato Morani – Quello che abbiamo visto è incredibile. Un vicepremier disperato che va in una trasmissione televisiva a fare una sceneggiata del genere è un unicum nella storia del nostro Paese».

Condono fiscale, Morani (PD): «"La manina? Ieri sera Di Maio ridicolo». Molinari (Lega): «Contenuti DL noti da giorni»

«Penso che nessuno mai si sia coperto di ridicolo come ha fatto ieri sera Di Maio da Vespa –  ha incalzato la deputata Dem – Hanno fatto un condono fiscale e hanno fatto norme per dare l’impunità a chi ricicla denaro sporco, siccome questa cosa non la regge davanti al suo popolo che è stato nutrito in questi anni con le parole onestà e legalità, ieri sera ha fatto finta di non conoscere il contenuto di quel decreto che Salvini afferma sia stato approvato all’unanimità. Per cui ieri sera Di Maio ha messo in scena una delle peggiori pièce teatrali che io abbia mai visto. Ha tirato anche in mezzo il Quirinale che è stato costretto a smentirlo. Si è inventato anche il fatto che sia stato inviato il documento alla Presidenza della Repubblica. La cosa più incredibile è che Conte stava spiegando la manovra all’UE, mentre Di Maio stava raccontando al Paese che loro stavano approvando una manovra che non conoscono. Siamo di fronte a incapaci totali e irresponsabili. Inoltre Di Maio ieri sera, anziché prendersi la responsabilità di quello che ha fatto, ha iniziato a gettare a buttare fango sugli altri. Ha iniziato a raccontare bugie sul fatto che il governo Renzi avrebbe fatto uno scudo fiscale da cui sono rientrati dall’estero capitali mafiosi. Mi auguro che Renzi lo quereli perché non si può continuare a dire la qualunque e raccontare bugie in maniera plateale senza essere puniti».

Irresponsabili vs cialtroni: scambio d'insulti tra Di Maio e Renzi nel giorno dalla manifestazione PD

Sulla vicenda è intervenuto poco fa anche il capogruppo alla Camera della Lega, Riccardo Molinari: «Chiaro che non essendo nel Cdm non posso sapere su quale testo avessero trovato l’accordo e quale testo avessero votato. Quello che sorprende è che il contenuto diffuso sui mezzi di stampa oggi di fatto, nella sostanza, dice cose che erano oggetto dell’accordo tra Lega e 5 Stelle e che già erano state ampliamente divulgate agli organi di informazione». Insomma, che Di Maio abbia commesso una grossa ingenuità è ormai piuttosto evidente, anche se sui social impazza la campagna contro “la manina” che avrebbe modificato indebitamente il testo del Dl fiscale.

Tutte le notizie di politica

Seguici sul nostro canale Telegram

Pechino Express 2018 in Africa, anticipazioni quinta puntata: ecco cosa succederà giovedì 18 ottobre

Uccisa a Fiumicino: minacce in carcere al killer di Tanina Momilia, Ris tornano in palestra