in

Confindustria lavora con noi 2016: stage retribuiti all’estero e in Italia per giovani laureati

Avete una laurea in tasca, ma non siete ancora riusciti a trovare qualche buona occasione che vi introduca al mondo del lavoro? Buone notizie in arrivo: anche quest’anno Confindustria offre a 25 neolaureati brillanti la possibilità di svolgere un tirocinio retribuito in una delle sue sedi italiane o estere.

Quali sono i requisiti per candidarsi a “Confindustria per i giovani”? Il progetto è rivolto a neolaureati che abbiano conseguito la laurea (preferibilmente in materie tecnico-scientifiche o economico-giuridiche) non prima del 7 febbraio 2016 ed entro il 1° dicembre 2016 e il cui percorso risponda alle richieste delle sedi di rappresentanza presso cui si svolgerà lo stage. Il tirocinio, della durata di sei mesi e con inizio previsto a febbraio 2017, consiste in un percorso formativo che vi permetterà di avvicinarvi alle dinamiche organizzative ed istituzionali dell’ente, introducendovi al sistema delle imprese e delle sua rappresentanze.

SCOPRI TUTTE LE OFFERTE DI LAVORO IN ITALIA SU URBAN POST!

Ai partecipanti sarà corrisposto un rimborso mensile lordo di 1.000 euro. Le candidature devono essere inoltrate entro le ore 10 del giorno 20 ottobre 2016, utilizzando esclusivamente il format presente sul sito www.confindustriaperigiovani.it e a cui dovranno essere allegati dei documenti scansionati specificati sul bando. Oltre a considerare l’età del candidato (a parità di punteggio verrà preferito il più giovane) e il suo curriculum vitae, i selezionatori sottoporranno i prescelti a una batteria di test scritti e un colloquio motivazionale. Curiosi di saperne di più? Leggete con attenzione il bando ufficiale.

In apertura: foto tratta dalla pagina Facebook ufficiale di Confindustria

OMICIDIO SUICIDIO NEL VIBONESE

Torino sconcertante scoperta: feto morto nell’armadio di un appartamento

Ziggurat sumere aeroporto spazio alieni

Ziggurat dei Sumeri, le scalinate erano rampe di lancio verso lo Spazio: le dichiarazioni del ministro iracheno Finjan