in ,

Coniugi uccisi a Catania, la figlia dà la colpa allo Stato: “Renzi venga qui e mi spieghi”

“Renzi venga qui e mi spieghi, mi dia delle risposte, delle sue scuse non so che farmene, i miei genitori sono morti, è anche colpa dello Stato”, è furiosa Rosita Solano, figlia di Vincenzo Solano e Mercedes Ibanez, la coppia di 70enni massacrati in casa a Palagonia (Catania) da Mamadou Kamara, un giovane extracomunitario ivoriano ospite del centro di accoglienza Cara di Mineo.

La donna non si dà pace, e attribuisce buona parte della responsabilità di ciò che è accaduto ai suoi genitori alle istituzioni assenti, e al capo del governo. “I miei genitori ormai sono morti e il governo deve dirci perché … è anche colpa sua se i miei genitori sono stati uccisi, perché permette a questi migranti di venire qui” – ha detto – “Il popolo italiano è messo in balia di tutta questa gente. Perché non fanno altro che accogliere, accogliere ma non si accoglie per accogliere. Vengono qui a rubare, ad ammazzare”.

“Hanno creato odio, non so cosa succederà adesso …” ha detto Francesco, nipote materno dei coniugi assassinati, sottolineando il clima di alta tensione che si respira nel quartiere, figlio di una esasperazione ormai intollerabile da parte della cittadinanza che non si sente tutelata dallo Stato, e chiede più sicurezza, controllo ed intervento delle istituzioni per arginare la piaga della immigrazione, che troppo spesso ormai sfocia in tragedie come quella verificatasi ieri nella villetta di Palagonia.

Il 18enne ivoriano accusato del delitto indossava i vestiti della vittima quando è stato fermato, ed ora è accusato di duplice omicidio volontario. È stato incastrato da alcune macchie di sangue rinvenute dai carabinieri sui suoi pantaloni. La polizia sta cercando suoi potenziali complici.

Calciomercato Roma news

Calciomercato Roma news, ancora viva la pista Juan Jesus dell’Inter

Bruno Peres schianto auto roma

Calciomercato Torino Ultimissime: Roma ancora su Bruno Peres