in ,

Consumatori tra i mercati più famosi: dove fare shopping e perché scegliere l’usato

Sempre più consumatori scelgono di fare acquisti tra i mercatini dell’usato. Chi sono i perfetti consumatori che subiscono il fascino del vintage-economico? Dove si recano con maggiore frequenza per il loro shopping? Perché scelgono l’usato? Quali sono i mercati più famosi?

Secondo l’indagine Doxa, il 33% dei consumatori sceglie i mercatini dell’usato, perché vuole risparmiare, evitando, però, le rinunce: abiti, mobili e oggetti hi-tech non possono mancare nei suoi acquisti; il 22% è un frequentatore casuale, compra senza particolari motivi, quando capita, senza una frequenza precisa; il 14% sono consumatori esperti di tecnologia, non comprano molto, ma vendono tanto, soprattutto online; il 12% sono i consumatori collezionisti e amanti del vintage; l’11% rappresenta chi fa acquisti regolari, mirati a bisogni necessari per sé o per la famiglia; l’8% sono donne over 45, che cercano oggetti particolari e sono a favore del riuso e della sostenibilità.

Perché scegliere l’usato? I tre punti principali sono: eco-sostenibilità, risparmio, la storia che un oggetto porta con sé. Quali sono i mercati più famosi d’Italia e nel mondo? Arezzo: Fiera antiquaria, Roma: Porta Portese, Mercato Monti, Happy Sunday Market, Milano: Mercato del Naviglio Grande, Firenze: Mercato di piazza dei Ciompi, Brugine: Mercatino dell’usato, Palermo: Mercato delle pulci di Papireto. Londra: Camden Town, Portobello, Notting Hill, Old Spitafield Market, Parigi: Mercato delle pulci di Saint-Quen, New York: Hell’s Kitchen Flea Market, Amsterdam: Waterloopleinmarket, Bruxelles: Flea Market.

Inter ultime notizie: Thorir visita la squadra prima del derby

Che tempo che fa su Rai3

Il mistero su McCartney, Grossman, Iacchetti – Abatantuono e Francesco Paolantoni a “Che tempo fuori che fa”