in

Conte conferenza stampa di fine anno: «Azzolina ministro della scuola, Manfredi all’Università e Ricerca»

28 dicembre 2019. Il premier Giuseppe Conte alla conferenza stampa di fine anno, a villa Madama, sede dell’Ordine dei Giornalisti e Associazione Stampa Parlamentare, in diretta ora su Raiuno, ha fatto il punto sull’attuale situazione in cui versa il paese, ha chiarito i principali obiettivi dell’esecutivo giallo-rosso e ha svelato le principali misure adottate per risolvere alcune problematiche, come la fuga dei cervelli all’estero, l’addio di Lorenzo Fioramonti e l’aumento dell’Iva.

Conte

Conte conferenza stampa di fine anno: «Azzolina ministro della scuola, Manfredi all’Università e Ricerca»

Nel corso dell’incontro il presidente del Consiglio ha annunciato di voler “inventare un nuovo ministero”: Lucia Azzolina sarà il nuovo ministro della Scuola, a Manfredi toccherà invece l’Università e alla Ricerca. «Ringrazio il ministro Fioramonti: abbiamo la necessità, l’ho già detto, di rilanciare il comparto della università. Non è vero che non abbiamo compiuto passi avanti, penso alla Agenzia nazionale delle Ricerche. Ora fare qualche sforzo in più, penso a aumentare i fondi sul diritto alla studio. Sono convinto che la cosa migliore per potenziare il settore sia separare la scuola dall’Università. Penso proprio a un nuovo ministero dell’università e la ricerca!», ha spiegato il “professore prestato alla politica”, che vorrebbe anche richiamare i giovani andati all’estero per costruirsi un avvenire.

conte

«Snellire la macchina burocratica»

Tra i principali intenti dell’esecutivo Conte Bis quello snellire la macchina burocratica: «Non solo è stata disinnescata l’Iva, ma abbiamo anche iniziato a realizzare alcuni degli impegni sui quali abbiamo chiesto la fiducia del parlamento e dei cittadini. Ora abbiamo davanti a noi una maratona di tre anni non significa che andremo a passo lento, marceremo spediti, ma questo spazio temporale ci consentirà di programmare senza l’affanno di questi mesi le nostre iniziative di governo. Vogliamo un piano ambizioso riformatore per realizzare quelle misure che il paese attende da anni per migliorare la qualità della vita dei cittadini!», ha specificato il premier, che ha insistito su una iattura del nostro paese: «L’unica prospettiva seria e credibile è lottare contro l’evasione fiscale, un furto che svantaggia i cittadini onesti!». Sempre Conte ha specificato: «Pagare tutti per pagare meno. Il 34% della spesa pubblica dovrà a priori essere destinato al Sud, è il principio che abbiamo fissato!».  Parlando del tema caldo dell’immigrazione il premier ha detto: «I porti, i nostri porti non sono mai stati chiusi. Al di là di ogni retorica, polemica…». 

leggi anche l’articolo —> Giuseppe Conte denunciato dall’ex moglie Valentina Fico

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

uomini e donne juan luis fuori

Uomini e Donne, fine dei giochi per Juan Luis: ‘invitato’ dalla De Filippi ad abbandonare il Trono Over

Sardina con il velo Matteo Salvini

Matteo Salvini attacca la “sardina con il velo”: la risposta di Lorenzo Donnoli