in ,

Convento degli orrori, presunti abusi sulle suore: testimonianza sconvolgente

Oggi a Pomeriggio 5 si è parlato della sconvolgente vicenda che da settimane vede coinvolto l’Istituto dei Frati Francescani dell’Immacolata, a Frigento, in provincia di Avellino, all’interno del quale per almeno vent’anni sarebbero stati inflitti abusi di ogni sorta alle suore che vi dimoravano.

Sul caso è stato aperto un fascicolo di inchiesta da parte Procura della Repubblica di Avellino e dal Vaticano, su preciso ordine di Papa Francesco che ha chiesto si faccia chiarezza in merito. Le indagini ruotano attorno ad un dossier che raccoglie 50 testimonianze fatte dalle religiose scampate miracolosamente ad un martirio, pare imposto loro da padre Stefano Manelli, cofondatore del convento al quale le religiose avrebbero dovuto sottomettersi – letteralmente – anima e corpo.

Padre Manelli è stato immediatamente sospeso, ma dimorerebbe ancora all’interno dell’Istituto religioso. Le suore che ora testimoniano contro di lui, raccontano dettagli raccapriccianti, pratiche di sottomissione alle quali sarebbero state costrette per dimostrare a lui totale fedeltà. Si parla di lettere vergate con il sangue, di autoflagellazioni corporali con fruste dentate. Due delle suore in questione hanno rilasciato alcune dichiarazioni alla trasmissione di Canale 5, chiedendo però l’assoluto anonimato: “Eravamo costrette a ferirci e scrivere le lettere con il nostro sangue come atto di consacrazione”, ha raccontato la religiosa, descrivendo ricatti e mortificazioni strazianti: “dovevamo marchiarci con il fuoco, leccare i pavimenti, mangiare la cenere, frustarci con delle corde e pregare, mentre gli schizzi di sangue sporcavano le pareti …”.

Interpellato in merito, un parroco del presunto convento degli orrori, ora commissariato dal Vaticano, ha ridimensionato la questione, spiegando: “Quelle descritte non son forme di violenza, ma di penitenza. Fino a 50 anni fa queste pratiche avvenivano negli istituti religiosi, e la cosa era assolutamente normale … “. Il religioso ha poi fatto una distinzione tra consapevolezza e costrizione, sostenendo che le succitate ‘penitenze’ sarebbero state atti volontari delle suore, che ora invece parlano di “abusi fisici e psicologici”.

ricette anna moroni

Ricette Anna Moroni a La prova del cuoco: torroncini di Natale

ultimi sondaggi m5s

Sondaggi Movimento 5 Stelle: Beppe Grillo cresce, PD in netto calo