in

Conversazioni-fumetto per Google Plus: è sfida a Facebook

Il mondo della messaggistica istantanea nei dispositivi mobili e non si nutre di ’emoticons’. Faccine, piccoli fumetti e icone create appositamente per esprimere gli stati d’animo dello scrivente e rendere quanto più completa ed espressiva la comunicazione via chat tra gli utenti.BitStrips

Non solo, nei social network da qualche settimana si è andati anche oltre: impazzano sul web applicazioni che permettono di crearsi una sorta di avatar digitale a proprio piacimento, che spesso viene modellato in base alle proprie sembianze fisiche e prende la forma di un vero e proprio fumetto. Alcuni siti come Pixton, ToonDo e StropGenerator offrono già questo tipo di servizio e anche il gigante Google si sta attivando in questo senso, con l’obiettivo di rivoluzionare le conversazioni virtuali alla stregua di quelle dei social. Trapela infatti l’indiscrezione secondo la quale Google avrebbe depositato un brevetto per trasformare a breve tutte le conversazioni su Google Plus (chi vorrà ovviamente) in fumetti, strisce di vignette che rappresentano le parole dette e i discorsi fatti, animati con oggetti e espressioni facciali.

 

Il nuovo progetto BitStrips è destinato forse a cambiare il modo in cui gestiamo le nostre conversazioni online. Una mossa che mira essenzialmente a insidiare lo strapotere di Facebook e a potenziare l’utilizzo, ancora scarso nonostante l’elevato numero di utenti iscritti, di Google+, dandogli appeal. Con l’introduzione di BitStrips, l’azienda di Mountain View vuole creare un nuovo modo di interazione tra amici in rete, attraverso vignette comiche in forma di strisce tipiche dei fumetti. L’applicazione Bitstrips si può scaricare e utilizzare per sistemi Android, su Facebok e dispositivi Apple.

 

 

 

 

Mondovisione tour Liga 2014

Ligabue, concerti 2014

Mercato, ex Inter: per Julio Cesar spunta il Sunderland