in

Copertina Crozza diMartedì 25 novembre 2014: il “rosso relativo” di Matteo Renzi

Impossibile che all’interno della sua fatidica copertina, Crozza non parlasse delle elezioni regionali in Emilia Romagna e in Calabria. Come al solito però il comico genovese intervenuto nell’apertura di diMartedì, il programma di Giovanni Floris in onda su La7, lo ha fatto a modo suo imitando un Matteo Renzi intento a cantare uno dei successi di Tiziano Ferro ovvero Rosso Relativo dicendo: “Il mio rosso relativo, la sinistra è sparita con me …. Domenica nessuno è andato a votare e io ho preso due Regioni…. Renzi batte Pd 2 a 0” ed aggiungendo: “Non ho bisogno del Pd, né di Berlusconi e tra poco nemmeno degli elettori. Sulla democrazia vincono le parole a vanverocrazia”.

Parlando del risultato in Emilia Romagna Crozza, con il proverbiale sarcasmo che lo contraddistingue ha poi detto: “In Emilia hanno votato solo agli scrutatori che erano lì, si son visti gli exit pochi. Oggi del voto non gliene frega niente a nessuno, a chi ci crede faranno gruppi di supporto con gli psicologied imitando Pier Luigi Bersani ha aggiunto: “Porco boia, dall’alluvione all’astensione, dal dissesto idrogeologico a quello ideologico, se c’hai il tronchesino non è che tagli le unghie ai pollici del televisore!

Dopo aver parlato di Berlusconi, Maurizio Crozza ha salutato il suo Giova per ricedergli la linea e lasciare che il nuovo conduttore della Rete di Urbano Cairo, strappato a Rai 3 e a Ballarò, intervistasse Bruno Vespa chiedendogli oltretutto di commentare proprio il risultato elettorale e l’astensionismo dell’Emilia Romagna.

Giulia Di Sabatino

Chi l’ha visto? anticipazioni 26 novembre: Gilberta Palleschi e Frigentina Del Rosario

Jobs act approvato dalla Camera la minoranza del Pd in rivolta

Jobs Act approvato alla Camera con i ribelli del Pd fuori dall’Aula, molte le novità al testo