in ,

Coppia dell’acido, Alex Boettcher lancia un appello al Garante: “Fatemi riconoscere mio figlio”

Alexander Boettcher, amante di Martina Levato, ha chiesto il riconoscimento del bambino. La coppia dell’acido, condannata a 14 anni per l’aggressione all’ex fidanzato della Levato, non si rassegna alla decisione dei giudici in merito alla dichiarata adottabilità del loro bambino. In particolare, Boettcher ha richiesto di poter legalmente riconoscere il piccolo, lanciando un appello al Garante dei detenuti.

L’avvocato Alessandra Silvestri, legale di Alexander Boettcher, ha oggi reso noto l’invio di una lettera di chiarimenti, in merito alle procedure di riconoscimento del bambino, indirizzata al Garante dei detenuti al Comune di Milano. Secondo quanto spiegato dal legale, il funzionario comunale incaricato di visitare Boettcher al carcere di San Vittore per la formalizzazione del riconoscimento non sarebbe infatti ancora andato.

L’avvocato di Alexander Boettcher ha evidenziato l’importanza del riconoscimento formale da parte del suo cliente, in quanto ciò permetterebbe a Boettcher di essere parte, assieme alla nonna paterna, nel procedimento che si è già aperto davanti ai giudici minorili. Non si è però trattato di un caso di inefficienza: secondo il regolamento, dopo il riconoscimento del bambino da parte della madre, Martina Levato, la quale ha indicato Alexander Boettcher come il padre, è decaduto l’obbligo del messo comunicale di andare in carcere.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Renzi Referendum 4 dicembre 2016

Matteo Renzi Twitter: la cassa integrazione è in calo, “le cose cambiano”

Spellatura post abbronzatura, Spellatura cosa fare

Spellatura post abbronzatura, cosa fare per idratare la pelle