in ,

Corea del Nord guerra Stati Uniti: svelato un missile intercontinentale da “brividi” [VIDEO]

Gli Stati Uniti sganciano la MOAB? E la Corea del Nord non resta a guardare. Trump manda un avvertimento ai coreani colpendo lo Stato Islamico in Afghanistan. Ma gli orientali sono pronti a rispondere. E lo hanno dimostrato oggi, durante la “Giornata del Sole” per  commemorare il 105esimo anniversario della nascita di Kim Il-sung, fondatore del paese e nonno dell’attuale leader, Kim Jong-un. Una serie di arsenale missilistico presentato dalla Corea del Nord. Nel dettaglio, ecco tutti gli armamenti bellici presentati nella giornata odierna.

—> Le caratteristiche della MOAB

Corea del Nord: il nuovo missile intercontinentale

Come rispondere alla MOAB degli Stati Uniti? La madre di tutte le bombe non preoccupa la Corea del Nord. Nella giornata odierna è stato svelato il nuovo missile intercontinentale. Una coppia di nuovi ICBM sono stati svelati al pubblico su lanciatori di nuova concezione che, con tutte le precauzioni del caso, sarebbero simili a quelli del DF-41 cinese ed al russo Topol-M. Le dimensioni del nuovo missile riposto nel suo tubo di lancio, in attesa di altri dettagli, sono da considerare un messaggio di propaganda. Pyongyang, infatti, vuole che il mondo sappia di essere in possesso di un ICBM a combustibile solido, per dimensioni potrebbe essere a tre stadi, in grado di colpire gli Stati Uniti.

—> La MOAB in Italia? Ecco i danni che causerebbe

Corea del Nord Lanciarazzi da 300 mm

La Corea del Nord, nella giornata odierna, ha anche mostrato il lanciarazzi multiplo da 300 mm con una gittata presunta di 125 miglia. Questo potrebbe colpire Seul che si trova soltanto a 35 miglia dalla zona smilitarizzata con un fuoco di sbarramento pesante. Il lanciarazzi multiplo per potenza eguaglierebbe il BM-30 russo. Un MLRS è tatticamente più pratico ed economico di un missile. Sempre durante la parata odierna sono stati presentati nuovi lanciatori. Alcuni di questi dovrebbero essere stati progettati per lanciare missili cruise anti-nave, probabilmente basati sullo Zvezda Kh-35U russo, classificazione Nato AS-20 Kayak. Precedentemente, i TEL (transporter erector launcher) mostrati non erano altro che dei mezzi civili riconvertiti grossolanamente per uso militare.

Corea del Nord missili: Pukguksong -1/KN-11 e Pukguksong-2/KN-15

Svelati per la prima volta al pubblico, nella giornata odierna, i missili più potenti della Corea del Nord. Di seguito, ecco le caratteristiche del Pukguksong -1/KN-11 e Pukguksong-2/KN-15. 

  • Pukguksong -1/KN-11

Svelato nell’ottobre del 2014, è un vettore di 67 metri e con un dislocamento di 900-1500 tonnellate. Il disegno del sottomarino ricorda quello della classe Heroj, progetto iugoslavo acquisito da Pyongyang nel 1970. Rispetto ai test precedenti, il missile ha confermato i progressi della tecnologia SLBM, Submarine-Launched Ballistic Missile, in via di sviluppo nella Corea del Nord. Il missile è precipitato nella Air Defense Identification Zone del Giappone. Tale tecnologia bypassa il sistema THAAD nella penisola coreana, a causa del suo raggio di intercettazione di 120 °

  • Pukguksong-2/KN-15

Battezzato Pukguksong-2, è stato lanciato su una traiettoria alta con combustibile per 14 minuti di volo. Il nuovo sistema d’arma ha raggiunto l’altezza di 550 km, coprendo una distanza di 500 chilometri prima di schiantarsi nel Mar del Giappone. Il missile, lanciato quasi ad angolo verticale, ha poi cambiato direzione in volo. Il Pukguksong-2 utilizzerebbe il combustibile solido.

Il video della parata della Corea del Nord

Donald Trump Cina, i media cinesi lo deridono: “Un mix tra Mussolini e Hitler”

Ciampino, Aghnia Adzkia rifiuta di togliere il velo ai controlli: lo sfogo diventa virale [VIDEO]