in

Corso di fotografia for dummies, lezione n. 3: Tempi di esposizione

Nella scorsa lazione del corso di fotografia for dummies abbiamo visto a cosa serve e come regolare il diaframma (www.urbanpost.it/corso-di-fotografia-for-dummies-lezione-n-2-diaframma). Oggi analizzeremo i tempi di esposizione, i quali vengono regolati impostando la velocita di apertura e chiusura dell’otturatore, che è un meccanismo a tendina che scorrendo davanti al sensore stabilisce per quanto tempo la luce entra nella macchina fotografia.

I tempi possono essere veloci, (1/2000 secondi) o lunghi (30 secondi). Impostando tempi veloci (es. 1/400 sec.) entra poca luce nella fotocamera, pertanto li useremo in luoghi molto luminosi. Viceversa tempi lunghi fanno entrare in camera molta luce ed andranno utilizzati in luoghi bui o per la fotografia notturna. Per tempi lunghi (da 1/60 in su) la fotocamera andrebbe posizionata su cavalletto per evitare foto mosse. I tempi possono bloccare o enfatizzare il movimento di un soggetto.

Utilizzate un tempo rapido per fotografare zio Nicola mentre fa un salto acrobatico ed avrete un’immagine dove lo zio appare perfettamente fermo, mentre se utilizzerete tempi lunghi l’immagine sarà mossa. Se volete fare qualche esperimento con la vostra macchina impostate la funzione tv (con la quale voi regolate il tempo e la macchina fa il resto) e divertitevi a scattare foto a soggetti in movimento. Usate sia tempi lunghi che tempi brevi e vedrete delle grandi differenze. Nella prossima lezione analizzeremo l’accoppiata tempi/diaframma.

Gastaldello facebook Bologna

Juventus – Bologna ultimissime: Gastaldello-Oikonomou al centro della difesa?

Werder Brema

Werder Brema: Lorenzen spedito a casa per un panino